giovedì 15 febbraio 2024

Confisca di tutti i titoli: proposta di legge per evitare "La Grande Stangata"

Proposta di legge nel Sud Dakota per evitare gli effetti del regolamento UCC che prevede che, in caso di fallimento del custode, tutti i titoli mobiliari depositati da terzi possono essere sequestrati (confiscati) dai creditori del custode. In Europa il regolamento scandaloso venne recepito nel 2014 con il titolo EC 909/2014. Il libro che parla di questo scandalo si chiama "The Great Taking" ed è stato scritto da un gestore di titoli, David Webb. L'edizione in italiano, La Grande Stangata, può essere acquistato su Amazon: https://www.amazon.it/dp/B0CQY7XD68

La proposta di legge in ligua originale è qui: https://mylrc.sdlegislature.gov/api/Documents/263148.pdf
Il canale youtube dove Webb ha pubblicato un documentario e vari video esplicativi (è possibile attivare i sottotitoli in italiano) è qui: https://www.youtube.com/@TheGreatTaking

 

martedì 6 febbraio 2024

SOLDI BANCARI IN CRISI - Finti prestiti di depositi e frodi contabili

 

Ordina online: Michael Schemmann (2023),


BANK MONEY IN CRISIS - Mock Deposit Lending & Accounting Fraud - Una nuova pubblicazione del 27 marzo 2023 di Michael Schemmann, che va alla radice dei trucchi del mestiere che causano queste debacle bancarie senza fine smascherate da John Maynard Keynes, Irving Fisher e John Kenneth Galbraith". - Il potere di creare denaro è storicamente e rimane una prerogativa del sovrano, che secondo la Costituzione è il Congresso/Parlamento, esercitato attraverso varie leggi da un'agenzia governativa, la Banca Centrale - la Fed negli Stati Uniti, la Banca d'Inghilterra nel Regno Unito, la BCE nell'Unione Europea o la Banca Nazionale Svizzera in Svizzera.

      Il denaro è la via comune per le transazioni dei prodotti interni lordi (PIL) delle nostre nazioni, che negli Stati Uniti, per esempio, essendo l'economia più grande del mondo, nel 2022 ammontavano a circa 24.000 miliardi di dollari. Ma la quantità di moneta a corso legale sotto forma di banconote della Federal Reserve e di depositi presso la Fed è relativamente piccola, pari a 5,3 trilioni di dollari, rispetto ai 21,2 trilioni di dollari creati dalle banche commerciali, il settore privato. Il denaro delle banche commerciali non ha un'esistenza reale perché è solo il risultato di una contabilità a doppia entrata nei conti di ciascuna delle oltre 7.000 banche statunitensi e, cosa ancora più grave, non è trasferibile se non per compensazione durante la compensazione dei pagamenti giornalieri. Il depositante non può andare dalla sua banca e dire: "Mostrami i soldi". Non ci sono. Il cassiere può offrire banconote della Federal Reserve, il solito scanaior, che significa "contanti" se la banca è "liquida".

      Dopo decenni di attività bancaria, di contabilità pubblica, di controllo aziendale e di insegnamento universitario, l'autore ha scoperto che i cosiddetti esperti, mascherati da professori universitari di economia, non possiedono le basi di contabilità su cui si basano le banche, insegnando false teorie dai libri di testo senza alcuna esperienza pratica e tanto meno professionale. In Germania si dice che il dottorato, che è l'abilitazione all'insegnamento universitario, è il premio per il trasporto dei bagagli del professore (Dem Herrn Professor die Koffer schleppen). I professori di economia dicono ai loro studenti, ad esempio, che i prestiti bancari possono essere concessi solo se il pubblico fornisce i fondi alle banche attraverso i risparmi.

      E agli studenti e al pubblico viene detto che le banche falliscono per mancanza di capitale proprio, che, tra l'altro, si trova sul lato sbagliato del bilancio e non può rimborsare i depositi, perché sono necessarie attività liquide, che si trovano sul lato attivo del bilancio - tanto per rendere l'idea. Anche l'autore era uno studente e se lo ricorda. Questi professori non sanno, e tanto meno capiscono, che i depositi bancari vengono riconosciuti e registrati a piacimento dal nulla, in totale violazione dei principi contabili, e sono il tallone d'Achille delle nostre economie quando l'autostrada comune per le transazioni del PIL si interrompe per mancanza di liquidità bancaria, che è facilmente risolvibile se solo la professione contabile si attenesse ai suoi stessi principi contabili invece di chiudere gli occhi come ha fatto inaugurando la crisi finanziaria globale del 2007-2008 e, senza dubbio, l'attuale crollo nel marzo 2023 della Silicon Valley Bank, Santa Clara, California, il secondo più grande fallimento bancario nella storia finanziaria degli Stati Uniti.

      Il successivo fallimento del Credit Suisse una settimana dopo e la sua acquisizione da parte di UBS il 19 marzo 2023 sono discussi in questa pubblicazione in modo molto dettagliato. Contrariamente all'opinione dei cosiddetti esperti, la nuova combinazione UBS + Credit Suisse NON è troppo grande per essere salvata, se necessario, e la Svizzera non è un Paese troppo piccolo perché possiede 1.100 miliardi di riserve valutarie e oro, mentre i depositi totali di UBS + Credit Suisse sono solo 731 miliardi, valutati in franchi svizzeri attualmente a 1,09 USD/CHF, e non ci sarebbe nemmeno un crollo del valore del franco svizzero, come sostengono gli esperti.

      C'è una vecchia discussione sul contagio, come se l'illiquidità di una banca dipendesse dalla fede e dalla lealtà dei suoi depositanti, che non verrebbero a ritirare i loro depositi finché la banca "mostra loro i soldi" nei loro estratti conto mensili. Il contagio significherebbe che c'è un virus là fuori, ma non è così. C'è solo una frode contabile che risale alla Banca di Amsterdam, fondata nel 1609, che fu scoperta a commettere quella che allora era una frode e chiusa nel 1820 (si veda il documento di lavoro della BRI 1065 del gennaio 2023), ma che oggi viene copiata come modello di business delle banche, con il concorso della professione contabile.

 L'autore è un banchiere esperto di Commerzbank in Germania, di banca commerciale presso l'American Express Bank di Zurigo e di banca d'investimento sotto la guida di Paul E. Erdman a Basilea, Svizzera, ex funzionario di credito commerciale presso la Bank of Nova Scotia a Toronto, controllore aziendale presso la Sandoz (Novartis) a Basilea, Svizzera, esperienza di revisione contabile presso KPMG e Touche Ross come CPA abilitato (Stato di Washington), ed esperienza di insegnamento universitario come cattedra e professore associato di contabilità e finanza a Bangkok e Almaty, Asia centrale. È autore di libri di contabilità professionale, finanza e banche e direttore generale dell'IICPA e dell'AASBI, l'Associazione delle scuole accreditate di economia.

lunedì 29 gennaio 2024

Scrivete ai vostri politici per difendere i vostri risparmi dalla Grande Stangata!

Come i diritti sul possesso dei titoli mobiliari (conto titoli) sono stati sovvertiti in Europa è descritto in "La Grande Stangata":


La Grande Stangata, di David Webb https://www.amazon.it/dp/B0CQY7XD68

Ad esempio, quando Lehman Brothers dichiarò fallimento durante la crisi finanziaria del 2008, uno dei suoi principali finanziatori era JP Morgan Chase Bank. Una filiale di JP Morgan Chase era la custode di Lehman, sia dei beni di Lehman che dei beni dei clienti di Lehman. In qualità di custode, JP Morgan Chase aveva il controllo delle attività di Lehman e, in qualità di prestatore, JP Morgan Chase aveva un interesse nelle attività dei titoli mobiliari di Lehman. Come risultato delle modifiche all'articolo 8 dell'UCC, nonché di una modifica del 2006 alla legge federale sui fallimenti [nonché al regolamento europeo 909/2016] , JP Morgan Chase è stata in grado di prendere tutti i conti di Lehman come garanzia per i prestiti che Lehman non poteva più pagare. Webb conclude che “il fallimento di Lehman Brothers è stato utilizzato per stabilire un precedente giurisprudenziale secondo cui la 'classe protetta' dei creditori privilegiati ha un diritto di priorità assoluta sui beni dei clienti e che, potenzialmente e praticamente, solo loro finiranno col possedere i vostri i beni.

 Azione!

I diritti di proprietà sui titoli furono sovvertiti a livello locale.

I diritti possono essere ripristinati a livello locale.

È iniziato!

Ora vengono sollevate domande su importanti leggi che sono state aggiunte ai codici statali in tutti i 50 stati degli Stati Uniti negli ultimi 25 anni.

Queste leggi sono state deliberatamente progettate per abrogare i diritti di proprietà privata e potrebbero in futuro essere utilizzate per danneggiare tutti gli americani che detengono titoli di investimento, compresi quelli detenuti in conti IRA e 401 (k).

A livello statale, le norme in questione sono contenute nel Codice Commerciale Uniforme (UCC), principalmente nell'articolo 8, che tratta dei titoli.

Organizzazioni e leader stanno ora esortando i legislatori statali a considerare attentamente questa allarmante violazione della proprietà privata.

È stata inviata una lettera ai legislatori statali e ad altri funzionari eletti in cui spiegano queste preoccupazioni, riassumendo gli aspetti legali dell’articolo 8 dell’UCC e delineando le opzioni a breve termine per i politici statali che vogliono agire per proteggere i loro elettori e i loro Stati.


Leggi la lettera completa per ulteriori informazioni:

Leggi l'originale in inglese:

https://thegreattaking.com/action

martedì 23 gennaio 2024

Lo scandalo immenso delle banche centrali private: un racket sempre più evidente

Un informatore sulla Fed rivela i tentativi di metterlo a tacere 30 anni fa

Di Pam Martens e Russ Martens: 22 gennaio 2024 ~

FONTE

Walker F. Todd, ex membro della Fed di New York e della Fed di Cleveland

[Nota bene: in Italia non è lo Stato che controlla la privata "Banca d'Italia" ma è il contrario. Bankitalia - tra le altre cose - gestisce la Tesoreria di Stato dal 1894]

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti deve nominare immediatamente un consulente speciale indipendente per indagare su quanto tempo e in quanti modi la Banca Centrale degli Stati Uniti (la Federal Reserve o semplicemente “la Fed”) ha funzionato come un racket di protezione per le mega banche di Wall Street.

Tra poco arriveremo all’ultima rivelazione sul bullismo e sulle intimidazioni della Fed nei confronti di un funzionario della Fed, ma prima alcune informazioni necessarie.

Nel 2013 il popolo americano apprese che Carmen Segarra era stata un’esaminatrice bancaria con una laurea in giurisprudenza presso la Federal Reserve Bank di New York, uno dei principali regolatori di Wall Street. Segarra ha accusato in una causa federale di essere stata vittima di bullismo da parte dei colleghi per modificare il suo giudizio negativo sulla potente mega banca di Wall Street, Goldman Sachs. Segarra ha spiegato in dettaglio come anche i suoi colleghi abbiano ostacolato e interferito con le sue indagini. Quando si rifiutò di modificare le sue scoperte, fu licenziata per ritorsione e scortata fuori dai locali della Fed, secondo la sua causa. La causa di Segarra fu respinta da un giudice federale, Ronnie Abrams, il cui marito era impegnato in questioni legali per Goldman Sachs. (Vedi Il caso Carmen Segarra: Benvenuti a New York, Wall Street e McJustice. Vedi anche, Queste sono le banche che possiedono la Fed di New York e il suo pulsante monetario.)

Sfortunatamente per la Fed di New York, tuttavia, le registrazioni segrete che Segarra aveva fatto per documentare la questione finirono per diventare virali.

Poi c’è stato il caso del 2015 del giornalista del Wall Street Journal, Pedro da Costa, che ha posto al presidente della Fed Janet Yellen una domanda scomoda sulla fuga di informazioni riservate da parte della Fed e si è ritrovato senza lavoro. 

Secondo un'analisi approfondita di Max Moran, in un articolo per The American Prospect, la persona che fa schioccare la frusta alla Fed per tenere in riga i giornalisti è Michelle Smith, capo dello staff del presidente della Fed Jerome Powell e la donna "che ha servito ogni presidente della Fed degli ultimi 30 anni in qualche modo: Powell, Janet Yellen, Ben Bernanke e Alan Greenspan”.

Intimidire la stampa affinché si attenga al porre domande accettabili e alla scrittura di articoli accettabili non è compatibile con una società libera. Vedi il nostro rapporto: C’è un blackout di notizie sulla denominazione da parte della Fed delle banche che hanno ottenuto i suoi prestiti pronti contro termine di emergenza; Sembra che alcuni giornalisti abbiano ricevuto l'ordine di tacere; e i media mainstream si sono trasformati dal fare battaglia contro la Fed in tribunale nel 2008 all’essere ai suoi piedi oggi.

Poi c’è stata la puzza intorno all’ex presidente della Fed Janet Yellen che si è dimessa dalla carica di presidente della Fed e si è imbarcata in una rapina di denaro multimilionaria mascherata da compenso per parlare presso le banche regolamentate dalla Fed. (Vedi Il bottino di 7 milioni di dollari di Janet Yellen è solo la punta dell'iceberg; non è riuscita a denunciare le sue parcelle per parlare a Wall Street da JPMorgan e altri nel 2018.) Yellen è stata quindi ricostituita come Segretario del Tesoro degli Stati Uniti, dove è richiesto il suo timbro di gomma sotto la legislazione di “riforma” finanziaria Dodd-Frank in modo che la Fed potesse gettare più trilioni di dollari a Wall Street.

E, infine, più di due anni dopo che l’ex presidente della Fed di Dallas, Robert Kaplan, è stato smascherato come un re degli hedge fund mentre si basava su informazioni riservate della Fed, non ci sono stati ancora risultati investigativi in ​​questa questione che siano stati condivisi con il pubblico da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, della Securities and Exchange Commission o dell’ispettore generale della Fed.

In questo contesto, si considerino le ultime notizie sulle intimidazioni e sui tentativi di mettere a tacere un funzionario della Fed – risalenti a 30 anni fa.

Il mese scorso, la scrittrice finanziaria Lynn Parramore ha condotto un’intervista per l’Institute for New Economic Thinking (INET) con due ex dipendenti della Federal Reserve Bank: Walker Todd, ex avvocato e funzionario legale presso la Fed di New York ed ex funzionario legale e ricercatore presso la Fed di Cleveland; e Bill Bergman, un istruttore clinico di finanza presso la Loyola University che ha lavorato in precedenza presso la Fed di Chicago.

Durante l'intervista, Todd stupisce con questa rivelazione:

“Ho avuto la sfortuna di redigere un articolo per la pubblicazione da parte della Fed di Cleveland, pubblicato nel ’93, sulle disposizioni sui prestiti di emergenza della FDICIA [Federal Deposit Insurance Corporation Improvement Act]. Ho spiegato come è successo. Il senso della disposizione era una sezione in cui si affermava che la Fed era in grado di concedere prestiti di emergenza sulla base di qualsiasi garanzia per lei soddisfacente, che poteva essere qualsiasi cosa. La modifica di tale disposizione ha permesso alle società di intermediazione mobiliare di prendere prestiti direttamente dalla Fed per la prima volta nella storia perché la finestra di sconto della Fed era stata originariamente istituita per concedere prestiti solo su tipi di garanzie idonee allo sconto – e i titoli di investimento sicuramente non erano ammissibili allo sconto.

“Il personale del Consiglio si è rivelato molto scontento della presentazione di questo articolo e continuò a intervenire presso il mio management per cercare di bloccarne la pubblicazione. Mi è stato richiesto di realizzare 21 bozze in un anno, il che mi ha impedito di fare qualsiasi altra cosa. Alla fine, fu pubblicato più o meno nella stessa forma in cui lo avevo originariamente presentato e, all’ultimo momento, un membro senior del Consiglio chiamò il dipartimento di ricerca della Fed di Cleveland per ordinare loro di fermare la stampa. Ma non potevano, perché il presidente e il direttore della ricerca erano fuori ufficio e non potevano essere raggiunti. Quindi è uscito dalla porta. Questo è tutto. Mi è stata data una valutazione sfavorevole per l’anno e ho lasciato l’anno successivo.

Per sapere come questa modifica alla legislazione del Congresso si è svolta nella vita reale e come le impronte digitali di Rodge Cohen di Sullivan & Cromwell fossero ovunque, vedere il nostro rapporto: La Fed annuncia un programma per le banche di Wall Street per impegnarsi in un crollo delle azioni per ottenere trilioni di prestiti a ¼% di interesse .

È tutto già abbastanza per far venire la nausea agli americani per il modo in cui la loro democrazia è stata violentata, corrotta e vittima di bullismo in un casinò distopico di Wall Street. Ma è sufficiente spingere gli americani a prendere il telefono, chiamare i senatori e chiedere la nomina di un procuratore speciale veramente indipendente?

Vedi anche: Robert Kennedy promette che da presidente riformerà la Federal Reserve, le grandi banche e la CIA.

"Bloccherò gli sforzi per la valuta digitale della banca centrale. Farò di tutto per mantenere la cartamoneta come corso legale in questo paese."


Il cartello bancario che ha preso il controllo della democrazia statunitense

Fare i nomi: il professore denuncia il cartello bancario che ha preso il controllo della democrazia statunitense

Di Pam Martens e Russ Martens: 23 gennaio 2024 ~

FONTE

Gerald Epstein è professore di economia e co-direttore fondatore del Political Economy Research Institute (PERI) presso l'Università del Massachusetts, Amherst. Un libro su cui ha trascorso gli ultimi dieci anni a ricercare e scrivere esce oggi dalla University of California Press: Busting the Bankers’ Club: Finance for the Rest of Us.


L’attesa dell’uscita di questo libro ha fatto inarcare le sopracciglia nelle sale del Congresso, a Wall Street, alla Big Law e nella comunità economica. Questo perché Epstein sta facendo dei nomi – i nomi delle persone che hanno svenduto la democrazia americana e l’interesse pubblico diventando adulatori o membri effettivi del Club dei banchieri.

Il presidente del Club dei banchieri è la Federal Reserve, scrive Epstein. Questo perché la Fed ha deciso di diventare sia il supervisore delle mega banche di Wall Street sia allo stesso tempo capace di creare denaro con il semplice tocco di un interruttore elettronico, che utilizza per incanalare trilioni di dollari in prestiti a basso costo per salvare le mega banche dietro le quinte. Il regno senza precedenti di Alan Greenspan, durato 19 anni, come presidente della Fed, ha gettato le basi per questa presa di potere, mentre il suo successore, Ben Bernanke, ha consacrato il concetto di regolatore trasformatosi in re del salvataggio durante la crisi finanziaria del 2007-2009, (incanalando 29mila miliardi di dollari in generosità per sostenere una struttura finanziaria crollata sotto il peso della sua stessa corruzione).

Gerald Epstein, autore, Busting the Bankers’ Club: finanza per il resto di noi. Credito fotografico, Stan Sherer

Il potere senza precedenti del Club dei banchieri è sottolineato dal fatto che, dopo il peggior collasso finanziario nel 2008 tra le aziende di Wall Street dai tempi della Grande Depressione, è stata approvata una legislazione per porre rimedio alla corruzione, agli eccessi e agli abusi (il Dodd-Frank Act del 2010) che era poco più che una bozza, lasciata ai regolatori compromessi per elaborare le regole definitive. Epstein descrive come Citigroup, con l’aiuto degli amici del Bankers’ Club, abbia sventrato una parte fondamentale della legislazione intesa a frenare gli abusi dei derivati. (Per saperne di più su questo squallido episodio, leggete il nostro rapporto: Incontra i due membri del Congresso che hanno facilitato l’incubo dei derivati di oggi nelle mega banche di Wall Street.)

Altri membri chiave del Club dei banchieri secondo Epstein sono i politici (in particolare nei comitati chiave del Congresso) che si sono venduti al Club dei banchieri in cambio del finanziamento delle loro campagne politiche; regolatori bancari che hanno un piede sul suolo governativo e l’altro piede diretto verso la porta girevole e uno stipendio molto più grande; Gli avvocati esterni di Wall Street della Big Law che introducono nella legislazione un linguaggio favorevole al Club dei banchieri; uno sciame di dozzine di gruppi di pressione che lavorano per conto delle banche di Wall Street nei corridoi e negli uffici del Congresso; e persino membri della sua stessa professione – gli economisti – che promuovono idee malsane con la pretesa di dimostrare che le mega banche di Wall Street servono gli interessi del pubblico e che una maggiore regolamentazione è inefficiente e ha un impatto negativo sulla crescita economica.

In ciascuna delle categorie sopra indicate, Epstein nomina dei nomi. Un membro della Big Law, il presidente senior della Sullivan & Cromwell, H. Rodgin (Rodge) Cohen, fa la seguente apparizione in Busting the Bankers' Club:

“…Il decano degli avvocati di Wall Street, H. Rodgin Cohen, presidente della società di Wall Street Sullivan & Cromwell, ha avuto il suo ruolo praticamente in tutte le principali azioni legali e di esecuzione che promuovono la deregolamentazione finanziaria durante questo periodo. Il lavoro di questi avvocati si integrava con quello dei giuristi e degli economisti che svilupparono il campo del “diritto ed economia”, che, in una potente alleanza con gli economisti che ho citato prima, fornì una base teorica giuridico-economica per la deregolamentazione e uno Stato meno interventista… .”

A opporsi a questo club dei banchieri cospiratori c’è un esercito talentuoso e creativo di bravi ragazzi, che Epstein chiama i “Club Busters”. In cima alla lista dei riconoscimenti di Epstein ci sono gli organismi di vigilanza senza scopo di lucro, Better Markets,

Americans for Financial Reform e i gruppi di difesa del settore bancario pubblico in tutto il paese.

Sebbene questi gruppi meritino i riconoscimenti, insieme agli altri gruppi e individui menzionati da Epstein, ci sono due ostacoli critici che impediscono ai Club Busters (incluso Wall Street On Parade) di ottenere una seria vittoria nel ridimensionare il potere del Club dei banchieri e riformare realmente Wall Street.

Tali ostacoli critici sono l’abrogazione del Glass-Steagall Act nel 1999 e la decisione Citizens United della Corte Suprema nel 2010.

L’abrogazione del Glass-Steagall Act (Banking Act del 1933) ha consentito alle società commerciali di Wall Street di controllare i trilioni di dollari di risparmi di una vita dei depositanti a conduzione familiare. L’abrogazione ha significato che i colossi del commercio globale come JPMorgan potevano fondersi con le banche assicurate a livello federale, sostenute e quindi sovvenzionate dai contribuenti statunitensi.

Oggi, JPMorgan possiede più di 5.000 filiali della Chase Bank sparse da una costa all’altra di tutta l’America, accettando depositi assicurati a livello federale da americani medi, che non hanno idea che i loro soldi vengono utilizzati per corrompere funzionari stranieri; mercati degli impianti di perforazione; e sostenere gli schemi Ponzi. Per essere più precisi, l’abrogazione del Glass-Steagall Act sta consentendo ai casinò di Wall Street di corrompere tutto ciò che sta a cuore agli americani, utilizzando, per farlo, i risparmi di una vita degli americani.

Gli organismi di vigilanza senza scopo di lucro sottofinanziati che compongono i Club Busters semplicemente non possono competere con questo vasto arsenale di depositi usati come armi.

Allo stesso modo, la decisione Citizens’ United della Corte Suprema, e la sua progenie, ha aperto le porte alla capacità del denaro aziendale di controllare le elezioni statunitensi. Gli Stati Uniti non sono più un governo rappresentativo del popolo; è, a un livello senza precedenti, rappresentativo degli interessi aziendali, la fonte del denaro necessario per ottenere alte cariche pubbliche.

Fino a quando gli americani non capiranno chiaramente che Glass-Steagall deve essere ripristinato e che la sentenza Citizens United deve essere rovesciata, saremo tutti solo fastidiosi piccoli cani bulldog che pizzicano la classe dei banchieri.

giovedì 4 gennaio 2024

È possibile assicurarsi contro il rischio della Grande Stangata? NO. (secondo l'Intelligenza Artificiale)


La Grande Stangata su Amazon ("non possederete nulla...")

La questione è importante e riguarda - oltre ai privati - anche tutti gli investitori istituzionali in titoli: fondi pensione, banche, assicurazioni, enti locali, etc.

Domanda: A proposito della questione della regolamentazione che prevede - in caso di default del custode dei titoli - il sequestro dei titoli del custode fallito anche se i titoli sono intestati a terzi, mi domando: è possibile assicurarsi contro questo rischio oppure la stessa assicurazione sarebbe un derivato che finirebbe comunque nel monte titoli di nuovo possibile oggetto di sequestro?

Claude-instant (da Poe.com)

È una questione complessa con possibili rischi e incertezze. Alcune considerazioni:

- Teoricamente sarebbe possibile stipulare una polizza assicurativa che indennizzi in caso di sequestro dei titoli da parte delle autorità in occasione del fallimento del custode.

- Tuttavia, l'assicurazione stessa diventerebbe credito nei confronti del custode e potrebbe quindi essere oggetto di bail-in nell'ambito della procedura concorsuale.

- Inoltre, non è detto che in una situazione di grave crisi sistemica l'assicurazione riesca a onorare tutte le richieste di risarcimento.

Un'alternativa potrebbe essere detenere i titoli in custodia disgiunta presso più intermediari, per contenere l'esposizione a ogni singolo operatore.

Resta comunque il rischio regolamentare di non vedersi riconosciuta la piena proprietà dei titoli in caso di risoluzione dell'intermediario.

In definitiva non esistono soluzioni prive di rischi. Il quadro normativo è complesso e andrebbe valutato caso per caso.


Vedi anche: 

La Grande Stangata: come ci razzieranno azioni, obbligazioni e titoli di stato

sabato 30 dicembre 2023

PIAZZA LIBERTA’ , sabato 30 dicembre 2023: Marco Saba ci parla de ”La grande stangata”

 LA GRANDE STANGATA

PIAZZA LIBERTA’, il programma di informazione condotto da Armando Manocchia, ritorna sabato 30 dicembre 2023 alle 20,30 su BYOBLU CANALE 262 DT CANALE 816 SKY CANALE 462 TIVUSAT

Nel corso della puntata due interviste esclusive.
La prima a Marco Saba. economista che ci parla de ”La grande stangata” il libro e documentario di David Rogers Webb, gestore di obbligazioni, secondo il quale siamo di fronte ad un collasso finanziario, ad una razzia di azioni, obbligazioni e titoli di stato, ma anche di contanti. Verrà spiegato come tutto ciò che risulta depositato si trova presso un’entità di custodia di titoli dematerializzati, come Euroclear e Clearstream, che detengono il monopolio degli scambi di obbligazioni a livello internazionale.

Compra "La Grande Stangata" su Amazon: https://www.amazon.it/dp/B0CQZVXFBT