martedì 26 settembre 2023

Presentazione


In questo sito viene trattato il problema dell'insolvenza cronica pianificata del sistema bancario italiano. In particolare ci soffermiamo sulla voce più importante oscurata nei bilanci: la rendita da creazione di denaro a corso legale. La Banca d'Italia, e tutte le altre banche italiane, sono in bancarotta tecnica finché non contabilizzano all'attivo l'aggregato monetario all'atto della creazione.
La nascita di una entità terza come "Centrale Rischi Banche" è resa necessaria dal fatto che la Banca Centrale Europea è arrivata ad accentrare i poteri assoluti di vigilanza bancaria in Europa, in spregio ai più elementari principi del conflitto d'interessi. 

domenica 5 febbraio 2023

Il presidente della Svizzera è stato denunciato da un banchiere internazionale

Pascal Najadi, un banchiere internazionale che ha presentato un'accusa penale contro il presidente della Svizzera

    Tessa Lena 5 febbraio 2023

Fonte: https://truthtalk.uk/2023/pascal-najadi-an-international-banker-who-filed-criminal-charges-against-president-of-switzerland/

Di Tessa Lena - Articolo pubblicato originariamente su Tessa Fights Robots.


Per me, personalmente, guardare questa intervista con Pascal Najadi è stato catartico al livello di Dostoevskij. È stato catartico perché è stato come vedere un bambino, che non è un bambino ma un uomo ridicolmente coraggioso, intelligente e di grande successo, diventare adulto e liberarsi delle sue illusioni proprio davanti ai miei occhi.

    Rivelazioni di Pascal Najadi, il cui padre Hussein, insieme a Klaus Schwab, ha fondato il WEF.

    Il padre di Pascal ha lasciato il progetto negli anni Ottanta quando ha visto Klaus Schwab diventare un dittatore.

    Considera l'Agenda 2030 la più grande minaccia alla democrazia e alla sovranità nazionale. pic.twitter.com/ZivD8gRyIi

    - Paul Kikos 🌐 (@PKikos) 1 febbraio 2023

Stavo per dare un sottotitolo "un uomo molto ricco scopre la mafia in Occidente", ma a causa del suo grande coraggio e della sua drammatica storia familiare, non potevo farlo, sarebbe stato sbagliato farlo. È un essere umano coraggioso. Merita un applauso. Ma è proprio così che mi sono sentito quando l'ho visto. Una totale dissonanza cognitiva: un misto di enorme rispetto per il suo innegabile coraggio e un urlo da qui alla luna per il mio dolore di tre anni, il dolore che non volevo provare. Come può una persona così evidentemente intelligente non vedere una cosa così evidentemente vera, fino ad ora? Perché quelli di noi che se ne sono accorti prima sono stati così soli?!

Da qui la catarsi. Non un giudizio - il giudizio non è il mio lavoro, e io stessa sono imperfetta sotto molti aspetti, e oggi lui è un eroe - ma una catarsi, perché se lui e le persone come lui non fossero stati così ciechi di fronte all'ovvio per così tanto tempo, se lui e le persone come lui avessero detto qualcosa per tempo e non avessero accettato la segregazione e gli abusi, forse saremmo stati tutti in un posto diverso. Tutti noi. In un posto diverso. Quindi ora voglio solo piangere insieme a lui. Lui piangerebbe lacrime oneste e salate per la sua ingenuità di un tempo e per il suo dolore attuale, e io piangerei lacrime salate oneste e appassionate per il mio dolore degli ultimi tre anni e per l'attuale stato di cose che non doveva esserci.

Ora, però, si sta davvero mettendo in gioco in un modo coraggioso e unico per lui. Per questo, tanto di cappello. Quindi sì, Pascal Najadi, un banchiere internazionale in pensione in Svizzera che ha sporto denuncia penale contro il Presidente della Svizzera, è senza dubbio un uomo coraggioso.

Pascal ha sporto denuncia contro il Presidente della Svizzera - che è anche Ministro della Salute - per la sua gestione della crisi del COVID e per la spinta criminale a fare iniezioni che si sono rivelate non sicure e inefficaci, di cui Pascal stesso aveva ricevuto tre dosi quando si era conformato.

E ai miei occhi è ancora più coraggioso perché suo padre, Hussain Najadi, è stato assassinato diversi anni fa e Pascal ritiene che sia stato assassinato per aver denunciato la corruzione. Quindi ci vogliono le palle per andare contro la Macchina con la sua storia familiare. Questo è vero.

Ecco la biografia ufficiale di Pascal:

    Pascal Najadi è un noto banchiere d'investimento svizzero di fama internazionale, regista, autore e figlio di Hussain Najadi, il fondatore del gruppo AmBank in Malesia, assassinato a Kuala Lumpur, Malesia, il 29 luglio 2013. Pascal Najadi è stato membro del Consiglio di amministrazione di Dresdner Bank, a Londra, e dal 1993 al 2003 è stato responsabile dell'attività dei mercati dei capitali dei mercati emergenti che coprono l'Europa centrale, l'Asia centrale, la Federazione russa, l'Africa e il Medio Oriente. È nato a Lucerna, in Svizzera, il 20 agosto 1967. Sua madre è Heidi Anderhub-Minger, discendente diretta di Rudolf Minger, ex consigliere federale e presidente svizzero prima e all'inizio della seconda guerra mondiale.

    Pascal Najadi è anche produttore cinematografico e ha prodotto il film "GROUNDING, the last days of Swissair" (2006), votato come uno dei migliori film della storia del cinema svizzero. Nell'estate del 2022 ha iniziato la produzione del docu-drama "The Najadi Assassination", sull'assassinio del defunto padre Hussain Najadi in Malesia. Il famoso regista svizzero Michael Steiner fa parte del suo team di produzione.

    L'uccisione di Hussain Najadi rimane ancora oggi un mistero, poiché è stata offuscata dallo scandalo malese 1MDB che ha portato l'ex primo ministro malese Najib Razak in carcere nel 2022. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha definito lo scandalo 1MDB il più grande colpo di cleptocrazia della storia. Oltre 4,7 miliardi di dollari sono stati riciclati attraverso la 1MDB e la sua rete di società, con l'aiuto di banche internazionali e infine della AmBank di Kuala Lumpur, la banca fondata da Hussain Najadi nel 1975. Pascal Najadi è noto per il suo impegno a scoprire la verità dietro l'assassinio.

    Pascal Najadi risiede in Svizzera ed è sposato con Anna Najadi-Janson, una fotografa professionista svizzera.

Scusate il resoconto frammentato, questa intervista mi ha fatto sentire davvero catartica, vorrei solo darmi un pizzicotto e svegliarmi in un mondo in cui la maggior parte è coraggiosa. So che stiamo percorrendo i nostri viaggi. Lo so. So che finisce bene. Ma forse possiamo piangere insieme quelle lacrime salate e giurare di essere coraggiosi d'ora in poi.

giovedì 2 febbraio 2023

Risolvere la crisi del debito alla maniera americana

Risolvere la crisi del debito alla maniera americana
Postato il 20 gennaio 2023 da Ellen Brown

Fonte: https://ellenbrown.com/2023/01/20/solving-the-debt-crisis-the-american-way/

I nostri antenati hanno trasformato i loro debiti in moneta. Questo approccio costituzionale potrebbe funzionare anche oggi.



Venerdì 13 gennaio, il Segretario al Tesoro Janet Yellen ha scritto al Congresso che il governo degli Stati Uniti raggiungerà il limite di indebitamento il 19 gennaio, costringendo il nuovo Congresso a negoziare sul limite del debito molto prima del previsto. La Yellen ha dichiarato che ricorrerà a manovre contabili che ha definito "misure straordinarie" per mantenere le finanze statunitensi in funzione per alcuni mesi, facendo slittare la data potenziale del default a qualche momento dell'estate. Ma ha esortato il Congresso a mettersi al lavoro per aumentare il tetto del debito.

Aumentarlo oltre l'attuale limite di 31.385 trilioni di dollari non sarà facile con un Congresso fortemente diviso e bloccato. Come ha affermato l'ex politico repubblicano David Stockman in un articolo dell'11 gennaio:

    15 voti [della Camera] e le frustate e le frecciate dell'opposizione degli Stati Uniti ne sono valsi la pena. Questo perché l'insurrezione anti-McCarthy del Partito Repubblicano ha ottenuto concessioni che potrebbero rallentare la corsa a capofitto dell'America verso l'armageddon fiscale. E proprio in tempo!

    Ci riferiamo, ovviamente, alla promessa del Presidente eletto che non ci saranno più aumenti del tetto del debito senza tagli di spesa compensativi e che, in caso di doppio gioco, un singolo membro della Camera potrà presentare una mozione per lasciare la poltrona di Presidente.


Anche se il Congresso riuscisse ad alzare il tetto del debito, l'aggressivo aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve potrebbe spingere gli interessi sul debito federale a livelli insostenibili. Il problema è stato descritto in questo modo dal Comitato politico repubblicano della Camera:

    All'8 dicembre 2022, il debito nazionale lordo degli Stati Uniti ammontava a quasi 31.500 miliardi di dollari, 8.500 miliardi di dollari in più rispetto a soli tre anni prima e il livello più alto nella storia della nostra nazione. L'anno scorso [nel marzo 2021], il Congressional Budget Office (CBO) aveva previsto che il governo federale avrebbe speso 282 miliardi di dollari per il servizio del nostro debito nel 2022, ma questa proiezione è salita a quasi 400 miliardi di dollari a causa della stretta monetaria della Federal Reserve e della continua crescita del debito.

    ... Sebbene i tassi d'interesse siano stati bassi rispetto agli standard storici, se i tassi d'interesse salissero al 5%, come nel 2007, i pagamenti netti per gli interessi sull'attuale livello di debito pubblico supererebbero i 1.000 miliardi di dollari, più di quanto il governo federale spende annualmente per tutto tranne che per la previdenza sociale [enfasi aggiunta; note finali omesse].

Il presidente della Fed di San Francisco, Mary Daly, ha dichiarato durante un'intervista in diretta streaming con il Wall Street Journal che si aspetta che i politici aumentino i tassi di interesse a un livello superiore al 5%, e il CEO di JPMorgan, Jamie Dimon, ha detto che "potrebbe benissimo" aumentare i tassi al 6%.

Il ciclo del debito globale ha raggiunto la fase in cui, storicamente, è necessario un grande "reset monetario". Nel 1913 è stato fatto con l'istituzione della Federal Reserve per proteggere un sistema bancario incapace di far fronte ai prelievi in oro. Nel 1933, è stato fatto togliendo il dollaro dal gold standard a livello nazionale; nel 1969, togliendo il dollaro dal gold standard a livello internazionale; e nel 2008-09, salvando le banche con il quantitative easing.

Ripristinare il tavolo da gioco in linea con la Costituzione


E oggi? In un articolo dell'11 gennaio su Forbes, dopo aver discusso i limiti delle "misure straordinarie" a cui il Tesoro può ricorrere, il consulente per gli investimenti Simon Moore ha scritto:

    Alcuni hanno anche sostenuto che il governo potrebbe spingersi oltre, magari invocando il 14° emendamento o coniando una moneta di valore enorme come ulteriore strategia per aggirare i problemi del tetto del debito. Tuttavia, queste idee non sono state verificate...

Il 14° emendamento dice che la validità del debito pubblico non può essere messa in discussione. Risolvere il deficit di bilancio coniando alcune monete da mille miliardi di dollari sarebbe un "reset" monetario radicale, ma l'approccio non è in realtà non testato. Abraham Lincoln fece qualcosa di simile per evitare un debito nazionale usurario con interessi dal 24 al 36% durante la Guerra Civile, attingendo al modello dei coloni americani di un secolo prima.

L'articolo 1, sezione 8, della Costituzione degli Stati Uniti dice: "Il Congresso avrà il potere ... di coniare moneta [e] regolarne il valore ...". Quando la Costituzione fu ratificata, le monete erano l'unica valuta legale ufficialmente riconosciuta. Nel 1860, le monete costituivano solo circa la metà della valuta e oggi rappresentano solo 1,19 miliardi di dollari su una massa monetaria circolante (M2) di 21.352.000 miliardi di dollari. Queste monete, insieme a circa 239 milioni di dollari di U.S. Notes o Greenbacks originariamente emessi durante la Guerra Civile, sono tutto ciò che rimane del potere del Tesoro di creare moneta.

La stragrande maggioranza della massa monetaria oggi è creata privatamente dalle banche come depositi quando fanno prestiti, usurpando il potere di emettere la massa monetaria nazionale al popolo a cui appartiene costituzionalmente. Lincoln evitò un enorme debito con le banche private sostenute dagli inglesi ripristinando la moneta emessa dal governo dei coloni americani.  Negli anni '60 del XIX secolo, queste banconote o Greenback di nuova emissione costituivano il 40% della valuta nazionale. Oggi, il 40% della massa monetaria circolante sarebbe pari a 8.500 miliardi di dollari. Tuttavia, questa massiccia stampa di moneta durante la Guerra Civile non portò all'iperinflazione. I biglietti verdi subirono un calo di valore rispetto all'oro, ma secondo Milton Friedman e Anna Schwarz in A Monetary History of the United States, 1867-1960, ciò non fu dovuto alla "stampa di denaro". Piuttosto, fu causato dagli squilibri commerciali con i partner commerciali stranieri che utilizzavano il gold standard. 

I Greenback aiutarono l'Unione non solo a vincere la guerra, ma anche a finanziare un periodo di espansione economica senza precedenti. Il governo di Lincoln creò il più grande gigante industriale che il mondo avesse mai visto. Fu lanciata l'industria dell'acciaio, fu creato un sistema ferroviario continentale, fu promossa una nuova era di macchinari agricoli e strumenti a basso costo, fu istituita l'istruzione superiore gratuita, fu fornito il sostegno del governo a tutte le branche della scienza, fu organizzato il Bureau of Mines e la produttività del lavoro fu aumentata del 50-75%.

Oggi il Congresso potrebbe evitare la crisi del debito chiedendo una nuova emissione di banconote statunitensi prive di debito. Questo, tuttavia, richiederebbe una legislazione, probabilmente una battaglia più dura nell'attuale Congresso, anche rispetto all'innalzamento del tetto del debito.

Ridurre il debito federale

Un altro modo per alleviare la crisi del debito con denaro emesso dal governo è stato proposto dal candidato repubblicano alla presidenza Ron Paul e appoggiato dal rappresentante democratico Alan Grayson durante l'ultima crisi del tetto del debito: si potrebbe ordinare alla Federal Reserve di trasferire al Tesoro i titoli federali che ha acquistato con registrazioni contabili attraverso il "quantitative easing". Il Tesoro potrebbe quindi annullare questa parte del debito, che al 2 dicembre 2022 ammontava a 6.097.000 miliardi di dollari. Questa alternativa sarebbe legale, ma richiederebbe di convincere non solo il Congresso ma anche la Federal Reserve ad agire.

Una terza alternativa, che potrebbe essere realizzata molto rapidamente con un ordine esecutivo, sarebbe che il governo federale esercitasse il suo potere costituzionale di "coniare moneta e regolarne il valore" coniando una o più monete di platino da mille miliardi di dollari.

L'idea di coniare monete di grosso taglio per risolvere i problemi economici fu suggerita per la prima volta all'inizio degli anni '80 da un presidente della Sottocommissione Monetaria della Camera dei Rappresentanti. La Costituzione non solo conferisce al Congresso il potere di coniare moneta e di regolarne il valore, ma non pone alcun limite al valore delle monete create.  

Nel 1982, il Congresso ha scelto di soffocare questo residuo del suo potere di creare denaro, imponendo limiti agli importi e ai tagli della maggior parte delle monete. Ma lasciò un'eccezione, la moneta di platino, che una disposizione speciale consentiva di coniare in qualsiasi quantità per scopi commemorativi (31 U.S. Code § 5112). Nel 2013, quando il Congresso era bloccato sul tetto del debito, l'avvocato Carlos Mucha propose di emettere una moneta di platino per sfruttare questa scappatoia; la proposta fu accolta da Paul Krugman e da altri economisti come un modo per andare avanti.

Philip Diehl, ex direttore della Zecca degli Stati Uniti e co-autore della legge sulle monete di platino, ha confermato che la moneta avrebbe corso legale. Ha dichiarato:

    Nel coniare la moneta di platino da 1.000 miliardi di dollari, il Segretario al Tesoro eserciterebbe un'autorità che il Congresso ha concesso di routine per più di 220 anni... in base al potere espressamente concesso al Congresso dalla Costituzione (Articolo 1, Sezione 8).

E l'inflazione?

Il Prof. Randall Wray ha spiegato che le monete non circolerebbero ma sarebbero depositate sul conto del governo presso la Fed, quindi non inflazionerebbero la massa monetaria circolante. Il bilancio avrebbe comunque bisogno dell'approvazione del Congresso. Per tenere sotto controllo la spesa, il Congresso dovrebbe solo attenersi ad alcune regole fondamentali dell'economia. Potrebbe spendere in beni e servizi fino alla piena occupazione senza creare inflazione dei prezzi (poiché domanda e offerta aumenterebbero insieme). Dopodiché, dovrebbe tassare - non per finanziare il bilancio, ma per ridurre la massa monetaria in circolazione ed evitare di far salire i prezzi con un eccesso di domanda.

Un'alternativa per stabilizzare la massa monetaria ed evitare l'inflazione senza ricorrere alle tasse fu sviluppata dai coloni della Pennsylvania ai tempi di Benjamin Franklin. Le colonie americane stampavano allora cartamoneta, seguendo l'esempio innovativo del Massachusetts nel 1691. Questa cartamoneta era considerata un anticipo sulle tasse, ma era più facile emetterla che riscuoterla in tasse, con il risultato di inflazionare e svalutare la moneta.

I coloni della Pennsylvania evitarono l'inflazione dei prezzi formando una "banca della terra". Il governo coloniale emetteva cartamoneta in cambio di beni e servizi e prestava la cartamoneta agli agricoltori a un tasso ragionevole. Gli interessi tornavano alla tesoreria coloniale, pareggiando il bilancio.

Oggi potremmo fare lo stesso: potremmo compensare il denaro emesso per le spese governative con gli interessi invece che con le tasse. Ma questo significherebbe di fatto nazionalizzare il sistema bancario, cosa che non è probabile e nemmeno auspicabile in una grande economia con molti interessi economici in competizione. Come osserva il professore britannico Richard Werner, la nazionalizzazione del sistema bancario nella Russia sovietica non ha funzionato bene. Ma l'approccio cinese, che prevede molte piccole banche pubbliche locali, si è rivelato molto efficiente ed efficace; e i banchieri locali tedeschi hanno sviluppato un sistema del genere molto prima dei cinesi, con la loro rete di banche pubbliche locali Sparkassen. Potremmo seguire l'esempio con una rete di banche pubbliche che rispondano alle esigenze locali, trasformando così l'attività bancaria in un servizio di pubblica utilità e mantenendo il credito sotto la gestione e la distribuzione locale.

Potremmo andare oltre...


Come osservò il presidente della Sottocommissione Monetaria negli anni '80, l'intero debito federale potrebbe essere pagato con alcune monete di grosso taglio. Anche in questo caso, la preoccupazione sarà quella di inflazionare la massa monetaria e di svalutare la moneta; ma la Federal Reserve ha dimostrato, dopo la "Grande Recessione", di poter emettere trilioni di dollari di quantitative easing contabile senza innescare l'iperinflazione. In effetti, l'esercizio non ha innescato nemmeno la modesta inflazione per la quale era stato concepito.

Il Giappone è andato oltre. A maggio 2022, il 43,3% del debito nazionale era detenuto dalla Banca del Giappone, ma l'indice dei prezzi al consumo (la variazione percentuale annua del costo dei beni e servizi al consumo) era negativo dello 0,2%. La Cina ha aumentato la propria offerta di moneta di quasi il 1800% in 24 anni (dal 1996 al 2020) senza far salire l'inflazione dei prezzi. Lo ha fatto aumentando il PIL di pari passo con l'offerta di moneta.   

Come nel caso del QE, pagare il debito federale con trilioni di monete depositate sul conto del Tesoro sarebbe solo uno scambio di attività, sostituendo un'obbligazione fruttifera (obbligazioni) con una non fruttifera (depositi bancari pagati ai venditori di obbligazioni). Il mercato dei beni e dei servizi non verrebbe inondato di "nuovo" denaro che gonfierebbe i prezzi dei beni di consumo, perché i detentori di obbligazioni non si considererebbero più ricchi di prima. Joseph Wang, ex trader senior del desk di mercato aperto della Fed, ha spiegato la differenza tra il QE e il pagamento diretto degli assegni di stimolo in un articolo del 9 gennaio 2023. Ha scritto:

L'enorme stimolo fiscale del 2020 ha creato qualche trilione dal nulla e l'ha semplicemente regalato al pubblico - prevedibilmente sovraccaricando la crescita e l'inflazione.  Si noti che lo stimolo fiscale è molto diverso dal QE, che si limita a scambiare Treasuries con contanti. Il QE modifica la composizione delle attività liquide detenute da soggetti non bancari (meno Treasury, più contanti), ma non il loro potere d'acquisto. Al contrario, gli assegni di solidarietà e i prestiti a fondo perduto sono essenzialmente "helicopter money" gratuiti che aumentano la domanda potenziale.

"Il QE modifica la composizione delle attività liquide detenute dai non bancari (meno Treasury, più contanti), ma non il loro potere d'acquisto". I detentori non bancari di Treasuries avrebbero potuto vendere i loro titoli in qualsiasi momento se avessero voluto liquidità. In primo luogo avevano i loro soldi in titoli di Stato perché volevano risparmiarli piuttosto che spenderli. Se fossero stati incassati, avrebbero presumibilmente continuato a risparmiare il denaro, probabilmente investendolo in altri titoli che generano interessi.


Qualcosa su cui riflettere, almeno

Certo, è improbabile che queste proposte passino ora, e ci vorrebbe un coraggio fuori dal comune solo per introdurle; ma viviamo in tempi fuori dal comune. Presto arriverà il momento in cui leader coraggiosi prenderanno le redini e faranno qualcosa di radicale. L'alternativa che si sta abbattendo su di noi è il "Grande Reset" del World Economic Forum, in cui "non possiederete nulla e mangerete insetti" (in pratica un neo-feudalesimo).

Lo status quo è chiaramente insostenibile e gli attuali strumenti della Fed non possono risolverlo. Il problema dell'inflazione è stato messo in ginocchio, anche se la spesa fiscale e la carenza di offerta sono i fattori chiave dell'attuale aumento dei prezzi; e gli strumenti tradizionali della Fed non risolveranno questi problemi. Più i tassi di interesse aumentano, più sarà difficile per le persone e le imprese pagare i debiti delle carte di credito. Ciò significa che le imprese falliranno, le persone saranno licenziate e le entrate fiscali diminuiranno, facendo lievitare ulteriormente il deficit di bilancio.

Abbiamo bisogno di un nuovo approccio, almeno uno nuovo per i tempi moderni. Faremmo bene a tornare alla soluzione dei nostri antenati: un sistema monetario sostenuto dalla "piena fede e credito degli Stati Uniti", un governo "del popolo, dal popolo e per il popolo", come intonò Lincoln. Forse non è il governo che abbiamo ora, ma potrebbe e dovrebbe esserlo. Prima di avere una moneta nazionale affidabile, abbiamo bisogno di un governo trasparente e responsabile che risponda alla volontà del popolo. Quando il vecchio sistema finalmente si romperà e saremo pronti per un nuovo sistema, questi sono i principi che dovrebbero guidarci nel suo sviluppo.

_____________________

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su ScheerPost. Ellen Brown è avvocato, presidente del Public Banking Institute e autrice di tredici libri, tra cui Web of Debt, The Public Bank Solution e Banking on the People: Democratizing Money in the Digital Age. È anche co-conduttrice di un programma radiofonico su PRN.FM intitolato "It's Our Money". Gli oltre 400 articoli del suo blog sono pubblicati su EllenBrown.com.

martedì 24 gennaio 2023

Sentenza sul signoraggio, in nome del popolo somaro...

Il Tribunale di Roma, con la sentenza di cui al link http://bit.ly/3H04EIT, pur concludendo con il dare atto che il signoraggio è «un problema astrattamente sussistente e dai grandi risvolti sociali» (chissà poi che vuol dire «astrattamente»), ha dichiarato – con un’erratissima e incondivisibile sentenza – inammissibile la citazione che ho proposto per chiedere la mia quota di signoraggio e la restituzione dei tributi da me pagati nei limiti della prescrizione, compensando le spese di giudizio.
Ha in sintesi applicato la vecchia sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione secondo la quale la magistratura non ha giurisdizione in materia perché si tratterebbe di materia disciplinata da leggi sovranazionali.
Tesi falsissima perché il signoraggio è un crimine e non è né disposto né disciplinato da alcuna legge né nazionale né sovranazionale, ma viene semplicemente commesso impunemente e ad onta di tutte le leggi.
La verità è però che questa guerra, vincere la quale cambierebbe il mondo, è per ora inutile perché non sussiste praticamente nessun sostegno popolare.
La sentenza di inammissibilità, peraltro, è solo ricorribile per Cassazione per poi, ove la Cassazione dichiarasse invece la citazione ammissibile, tornare davanti al Giudice di primo grado affinché decida nel merito. Percorso accidentato e che richiederebbe anni per cui, al limite, varrebbe la pena che qualcun altro iniziasse con una nuova citazione.
Cose che comunque non ho più intenzione di seguire perché, se non c’è sostegno popolare, è inutile e, se invece il sostengo popolare ci fosse e fosse adeguato, far causa non servirebbe, perché si scatenerebbero mille e mille reazioni a catena.
In definitiva, a mio avviso, il vero problema di fondo è che l’abolizione del signoraggio causerebbe un vero, grande cambiamento, e – proprio perché lo sanno tutti, e soprattutto lo sanno tutti coloro che devono saperlo, cioè avvocati, magistrati, politici e giornalisti – detta abolizione per ora non può avvenire perché qui il cambiamento non lo vuole nessuno.
23.1.23, ALM

Repubblica Italiana
In Nome del Popolo Italiano
Tribunale Ordinario di Roma
Seconda Sezione Civile
Il giudice dott. Alberto Cianfarini ha emesso la seguente
SENTENZA
nella causa civile di primo grado, iscritta al n. R.G. 35283/2019 del ruolo generale
per gli affari contenziosi e vertente
tra
Avv. ALFONSO LUIGI MARRA, C.F. MRRLNS47T18H919K, quale procuratore
di sé stesso, domiciliato presso il suo studio in Napoli (NA) Centro Direzionale G1
– attore – Contro
PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, P.I. 80188230587, in persona
del Presidente del Consiglio pro tempore, con sede in Roma (RM), Palazzo Chigi,
Piazza Colonna n. 370; BANCA CENTRALE EUROPEA, in persona del
Governatore pro tempore, con sede in Francoforte sul Meno, Germania,
Sonnemannstrasse n. 20, entrambe rappresentate e difese dall’Avvocatura Generale
dello Stato
, presso i cui uffici sono domiciliate in Roma, Via Dei Portoghesi n. 12
– convenuti –
e contro
BANCA D’ITALIA, P.I. 00950501007, in persona del legale rappresentante pro
tempore, con sede in Roma (RM), Via Nazionale n. 91, rappresentata e difesa,
dall’Avvocatura della Banca d’Italia, elettivamente domiciliata presso la stessa in
Roma, Via Nazionale n. 91
– altra convenuta –
In fatto
Con atto di citazione notificato in data 27.5.2019, l’Avv. Alfonso Luigi Marra
conveniva in giudizio la Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Banca Centrale
Europea e la Banca d’Italia al fine di ottenerne la condanna, in solido, al pagamento
di una somma pari all’importo del debito pubblico italiano diviso il numero dei
cittadini italiani e alla restituzione dei tributi pagati nei limiti della prescrizione
decennale, previa rimessione alla Corte Costituzionale per la declaratoria di
incostituzionalità delle leggi disciplinanti detti tributi.
Parte attrice sosteneva quanto segue.
Anzitutto, lamentava l’illiceità del cd. “Signoraggio bancario” (termine impiegato
dalla parte attrice) asseritamente commesso dalle banche centrali – BCE e Banca
d’Italia – tramite la realizzazione di un “falso in bilancio”, che riteneva essere stato
determinato dalla creazione di denaro a basso costo tipografico, generativo di
continua inflazione, venduto allo Stato contro corrispettivo di titoli di debito
pubblico produttivi di interessi finanziati dallo Stato stesso mediante prelievo
fiscale.
Eccepiva, quindi, l’illegittimità del debito pubblico, l’illiceità del prelievo fiscale e
della conseguente riscossione dei tributi. Insisteva, inoltre, per la rimessione alla
Corte costituzionale affinché fosse rilevata la incostituzionalità delle normative di
cui al d.lgs. 344/2003; T.U.n.917/1986; d.lg. n.446/1997; d.p.r. n.633/1972;
l.n.388/2000 presuntivamente contrastanti con gli artt. 1, 2, 3, 4, 35, 41, 42, 47 Cost.
Chiedeva, infine: a) la pronuncia di condanna generica nei confronti della
BCE e della Banca d’Italia, in solido, al pagamento in favore di parte attrice di una
somma pari all’importo del debito pubblico italiano diviso il numero dei cittadini
italiani al momento del pagamento; b) la pronuncia di condanna generica nei
confronti del Governo italiano a restituire a parte attrice i tributi pagati nei limiti
della prescrizione decennale; c) il tutto con interessi ex art. 1284 c.c. calcolati dalla
maturazione dei diritti, spese e competenze di giudizio.
Si costituivano in giudizio la Banca d’Italia e la Presidenza del Consiglio dei
ministri, quest’ultima congiuntamente alla Banca Centrale Europea, chiedendo il
rigetto delle domande formulate da parte attrice per essere esse inammissibili ed
infondate.
All’udienza del 23.11.2021 il Giudice concedeva alle parti i termini ex art. 183 co.
6 c.p.c. con decorrenza dal 1.1.2022.
In data 26.4.2022 il Giudice invitava le parti alla precisazione delle conclusioni in
relazione al mancato deposito di note autorizzate ex art.183 c.p.c.; tratteneva la
causa in decisione assegnando alle parti, ai sensi dell’art. 190 c.p.c., termini di
giorni 60 per il deposito di comparse conclusionali e di ulteriori giorni 20 per il
deposito delle memorie di replica, con decorrenza dal 15.6.2022.
Le parti depositavano comparse conclusionali e memorie di replica in cui
ribadivano ed insistevano per l’accoglimento delle proprie domande. 

Motivi della decisione

Premessa. Per la risoluzione della presente controversia occorre, preliminarmente,
definire il concetto dell’asserito (termine impiegato dalla parte) cd. “Signoraggio”.
Tale termine viene “comunemente” inteso l’insieme dei redditi derivanti
dall’emissione della moneta. Attraverso la moneta emessa, le banche centrali
nazionali assolvono alle funzioni istituzionali di politica monetaria loro attribuite
dall’Unione Europea. Tale attività consente alle banche centrali nazionali di
produrre il proprio reddito monetario, definito dall’art.32 del Protocollo sullo
Statuto del SEBC e della BCE come il “reddito annuo che esse ottengono dagli
attivi detenuti in contropartita delle banconote in circolazione e dei depositi
costituiti dagli enti creditizi”.
In particolare, la stampa e l’emissione di moneta da parte delle banche centrali
richiede un prezzo, pagato dai singoli Stati quale contropartita per la messa in
circolazione della moneta.
Dunque, il reddito dal cd. “signoraggio” costituisce il flusso di interessi generato in
contropartita delle banconote in circolazione, c.d. base monetaria, da ricomprendere
nel reddito monetario prodotto dalle banche centrali nazionali. Tale reddito viene
accentrato e redistribuito alle singole Banche centrali sulla base delle rispettive
quote di partecipazione al capitale della BCE. Le banche centrali nazionali, di
conseguenza, lo fanno affluire ai rispettivi Stati una volta dedotte le spese di
funzionamento ed effettuati i necessari accantonamenti.
Nel tempo, però, la crescente creazione e vendita di denaro da parte delle banche
centrali agli Stati membri ha prodotto debiti pubblici in capo ai rispettivi
Ordinamenti. Tra questi figura, indubbiamente, quello italiano.
Emerge, quindi, un legame tra il cd. “signoraggio bancario” e la “sovranità
monetaria” delle banche centrali: poiché lo Stato non può emettere liberamente
moneta, neppure per far fronte al debito pubblico, è costretto a richiedere alla BCE
e alle Banche centrali nazionali emissione di moneta, fornendo adeguata
contropartita in titoli di debito.

Tale legame è indice della complessità della materia, la cui rilevanza
politicoeconomica ha richiesto l’introduzione di rigorosi limiti legislativi, sia a
livello nazionale che europeo, nonché di stringenti vincoli all’accertamento
giurisdizionale.


A) Difetto di giurisdizione.
Come detto, l’emissione della moneta corrisponde all’esercizio di una prerogativa
sovrana, di competenza riservata alla BCE e alle Banche centrali nazionali, su
autorizzazione esclusiva della stessa BCE.
Tale potestà pubblica trova estrinsecazione in norme sovranazionali che indicano,
quale propria fonte principale, i Trattati europei e lo Statuto della BCE e del
SEBC, attuati nell’Ordinamento nazionale dall’art.4 d.lgs. n.43/1998.
In particolare, i rapporti della BCE con le Banche centrali nazionali sono disciplinati
dal TFUE. A sancirlo, infatti, è l’art. 128 TFUE secondo cui “Le disposizioni
relative alla Banca centrale europea figurano, insieme a disposizioni dettagliate
sulle altre istituzioni, nel trattato sul funzionamento dell'Unione europea”.
Ciò trova conferma anche nell’art.3 par. 1 lett. c) TFUE, il quale stabilisce una
competenza esclusiva in capo all’Unione Europea in materia di politica monetaria
degli Stati membri che abbiano adottato come moneta l’Euro.
L’esclusività è giustificata dal fatto che i principi dettati dal TFUE, considerato
l’ambito di applicazione e la rilevanza degli interessi coinvolti, sono espressione di
una discrezionalità politica consolidata e risalente alla stessa fondazione della
Comunità Europea.
Detta discrezionalità, proprio perché tale, si sottrae a qualsiasi forma di controllo
giurisdizionale.
Invero, l’art. 13 TFUE impone agli Stati membri l’obbligo di assicurare una
legislazione nazionale e uno Statuto della propria banca centrale compatibile con i
Trattati europei, nonché con lo statuto della BCE e del SEBC. Tuttavia, la norma
non attribuisce al giudice nazionale alcuna giurisdizione in materia.
Ai sensi degli artt. 256, 263, 265, 268 e 274 TFUE e dell’art. 35 dello Statuto della
BCE e del SEBC spetta alle Corti europee la giurisdizione esclusiva a conoscere
dei ricorsi per l’annullamento di un atto presumibilmente contrario al diritto
europeo e delle controversie relative alle istituzioni europee; in tale nucleo sono
indubbiamente ricomprese anche le questioni derivanti dall’emissione di moneta.


In definitiva, il giudice nazionale non può sindacare il modo in cui lo Stato esplica
le proprie funzioni sovrane, tra cui quelle di politica monetaria, di adesione a trattati
internazionali e di partecipazione ad organismi sovranazionali.
Viceversa, la pretesa dell’attore è rivolta proprio a mettere in discussione le scelte
con cui lo Stato, attraverso i suoi organi istituzionali, ha configurato la propria
politica monetaria, in coerenza con la decisione di aderire ad un sistema elaborato
in ambito Europeo e di fare parte delle Istituzioni create all’interno di detto sistema.
Discende da ciò il difetto assoluto di giurisdizione ordinaria e speciale in ordine
all’oggetto dell’azione proposta da parte attrice, mancando nei confronti di qualsiasi
giudice interno il potere di emanare una decisione di merito sulla legittimità e\o
liceità del c.d. “signoraggio bancario”.
Trovando tutto ciò pacifica conferma nella giurisprudenza di legittimità (SS.UU.
Cass. n.16751/2006), le domande sollevate da parte attrice si dichiarano
inammissibili per assenza di giurisdizione nazionale.
Sotto altro profilo, la pretesa dell’attore a che ciascun cittadino degli Stati Europei
aderenti al sistema dell’Euro possa percepire direttamente e personalmente una
quota proporzionale del c.d. “signoraggio monetario”, ossia del reddito che l’istituto
di emissione ritrae dalle monete messe in circolazione, appare basata su argomenti
di mero carattere storico ed economico. Tramite tali argomentazioni parte attrice
mira ad evidenziare non tanto una contrapposizione tra il comportamento delle
istituzioni convenute e le regole giuridiche su cui è oggi modellato il meccanismo
di produzione del reddito monetario, quanto piuttosto una pretesa incoerenza tra
tale meccanismo ed un auspicato diverso assetto cui esso, secondo l’attore,
dovrebbe invece adeguarsi.
Differentemente, né la disciplina europea né la disciplina interna di attuazione dei
trattati riconoscono alle collettività nazionali e ai loro componenti la titolarità di
posizioni giuridiche, sia in termini di diritti che di interessi legittimi, azionabili
dinnanzi agli organi giurisdizionali nazionali.
L’attore presume la sussistenza di un diritto di agire per la rivendicazione della
proprietà della moneta a favore della collettività e dei suoi singoli componenti,
facendone derivare la legittimazione all’esercizio di una azione popolare non
specificamente contemplata da alcuna norma nazionale o sovranazionale. La
vicenda prospettata nella presente causa appare riconducibile, piuttosto, alla
categoria degli interessi semplici – tali in quanto privi di una vera e propria tutela
giuridica – contrapposti alla categoria del diritto soggettivo o interesse legittimo,
inteso quale potere del singolo di agire per far valere una propria pretesa tutelata da
una norma dell’Ordinamento.
Parte attrice appare consapevole di questa sottile distinzione tanto da costruire
l’intera fattispecie, nonché le relative domande, come posizione giuridica del
singolo e della collettività presuntivamente riconosciuta dall’Ordinamento.
Occorre specificare che nel validare un diritto soggettivo, la Legge effettua una
valutazione di interessi contrapposti per giudicare quale sia quello più meritevole
di tutela. Gli interessi semplici, a differenza dei diritti soggetti, non sono disciplinati
da alcuna norma giuridica proprio perché non ritenuti meritevoli di tutela davanti a
un giudice.
In altre parole, sebbene gli interessi semplici presentino in alcuni casi una
particolare rilevanza dal punto di vista sociale ed economico, essi non sono
azionabili dinnanzi all’autorità giudiziaria.
Nel caso di specie, nonostante l’asserita qualificazione della posizione fatta valere
da parte attrice alla stregua di diritto soggettivo, non si rinviene una vera e propria
legittimazione in capo all’attore in ordine alle pretese mosse avverso le Istituzioni
convenute.
Sul punto la giurisprudenza di legittimità ha sancito il principio di diritto secondo
cui “è da escludere che la massa monetaria posta in circolazione nell’ambito dei
Paesi aderenti al sistema dell’Euro (e quindi anche in Italia) appartenga alla
collettività dei cittadini di quei Paesi, e che, di conseguenza, ciascuno di costoro
possa rivendicare pro quota il reddito derivante dalla stampa e dalla circolazione
di detta massa monetaria (cosiddetto reddito di “signoraggio”), oggi invece
percepito – per effetto di una scelta di politica monetaria consacrata in strumenti
normativi di diritto europeo, al cui rispetto il nostro Paese è vincolato anche sul
piano internazionale – dalla Banca Centrale Europea e poi ridistribuito tra le
diverse Banche centrali nazionali” (SS.UU. Cass. n.16751/2006).
È incontrovertibile, quindi, l’assunto per cui la pretesa di qualsiasi cittadino volta
ad ottenere, anche in rappresentanza della collettività, una quota proporzionale del
signoraggio monetario non è configurabile alla stregua di un interesse protetto
dall’Ordinamento. Di qui, dunque, l’inammissibilità delle domande formulate
dall’attore anche per carenza di legittimazione ad agire. 

B) Infondatezza delle questioni sollevate.
Ferma la natura del tutto assorbente del difetto assoluto di giurisdizione, nonché del
difetto di legittimazione ad agire in capo al ricorrente, le pretese di parte attrice
devono considerarsi infondate difettando il carattere ingiusto del danno asserito.
Come noto, il sistema di emissione della moneta trova la sua fonte esclusiva nelle
norme sovranazionali, dunque, non può considerarsi contra ius, essendo
espressamente legittimato da vigenti norme giuridiche.
Ne deriva che l’emissione della moneta da parte delle banche centrali e della BCE
non può integrare, per il solo fatto della sua realizzazione, una fattispecie di illecito.
All’infondatezza degli assunti di parte circa l’illiceità del signoraggio delle banche
centrali e della BCE fa riscontro l’assorbimento della domanda di restituzione del
debito pubblico, che l’attore chiedeva di determinarsi in relazione al numero dei
cittadini italiani, e della domanda di restituzione delle imposte pagate nei limiti della
prescrizione.
Alla luce delle motivazioni esposte, esaminate le allegazioni e produzioni di parte,
individuata la disciplina applicabile al caso di specie, le domande formulate da parte
attrice sono rigettate per essere inammissibili ed infondate. 

C) Spese di lite.
Le spese di lite seguono la compensazione. Trattasi di un problema che non può
trovare in questa sede soluzione giuridica ma che, tuttavia, appare astrattamente
sussistente e dai grandi risvolti sociali.
P.Q.M.
il Tribunale, definitivamente pronunciando, ogni altra istanza o eccezione disattesa:
a) Dichiara inammissibile la domanda di parte attrice;
b) Compensa le spese di lite.
Roma, Il Giudice
Alberto Cianfarini


www.marra.it
studio@marra.it

English translation:

Italian Republic
In the Name of the People of Italy
Ordinary Court of Rome
Second Civil Section
Judge Dr. Alberto Cianfarini delivered the following
JUDGMENT
In the civil case of first instance, registered under No. R.G. 35283/2019 of the general register
for contentious affairs and disputed
between
Attorney-at-law ALFONSO LUIGI MARRA, C.F. MRRLNS47T18H919K, as attorney-at-law
of himself, domiciled at his office in Naples (NA) Centro Direzionale G1
- plaintiff - against
PRESIDENCY OF THE COUNCIL OF MINISTERS, P.I. 80188230587, in the person
of the President of the Council pro tempore, with headquarters in Rome (RM), Palazzo Chigi,
Piazza Colonna No. 370; BANCA CENTRALE EUROPEA, in the person of the
Governor pro tempore, with registered office in Frankfurt am Main, Germany,
Sonnemannstrasse No. 20, both represented and defended by the Attorney General's Office
of the State
, at whose offices they are domiciled in Rome, Via Dei Portoghesi No. 12
- defendants -
and against
BANCA D'ITALIA, P.I. 00950501007, in the person of its legal representative pro
tempore, with offices in Rome (RM), Via Nazionale No. 91, represented and defended,
by the Attorney's Office of the Bank of Italy, electively domiciled at the same in
Rome, Via Nazionale n. 91
- other defendant -
In Fact
By writ of summons served on May 27, 2019, Avv. Alfonso Luigi Marra sued the Presidency of the Council of Ministers, the Central Bank European Central Bank and the Bank of Italy in order to have them ordered, jointly and severally, to pay of a sum equal to the amount of the Italian public debt divided by the number of Italian citizens and the restitution of the taxes paid within the limits of the statute of limitations ten-year statute of limitations, subject to referral to the Constitutional Court for a declaration of the unconstitutionality of the laws governing said taxes.
The plaintiff claimed the following.
First, it complained that the so-called "bank seigniorage" (a term employed by the plaintiff) allegedly committed by central banks - ECB and Bank of Italy - through the implementation of "false accounting," which he believed was
brought about by the creation of typographically cheap money, generative of continuous inflation, sold to the state against consideration of interest-producing public debt securities financed by the state itself through levy tax.
He therefore excused the illegitimacy of the public debt, the unlawfulness of the tax levy and of the consequent collection of taxes. He insisted, moreover, that the matter be referred to the Constitutional Court in order that the unconstitutionality of the regulations set forth in Legislative Decree No. 344/2003; T.U. No. 917/1986; Legislative Decree No. 446/1997; Presidential Decree No. 633/1972; and Law No. 388/2000 allegedly in conflict with Articles 1, 2, 3, 4, 35, 41, 42, 47 of the Constitution be noted.
Finally, he asked for: a) the pronouncement of generic condemnation against the ECB and the Bank of Italy, jointly and severally, to pay to the plaintiff a sum equal to the amount of the Italian public debt divided by the number of Italian citizens Italians at the time of payment; b) the pronouncement of a general order against against the Italian government to return to the plaintiff the taxes paid within the limits of the ten-year statute of limitations; c) all with interest pursuant to Article 1284 of the Civil Code calculated from the accrual of fees, expenses and court fees.
The Bank of Italy and the Presidency of the Council of Ministers, the latter jointly with the European Central Bank, seeking the dismissal of the claims made by the plaintiff on the grounds that they were inadmissible and unfounded.
At the hearing on November 23, 2021, the judge granted the parties the terms pursuant to Article 183 co. 6 c.p.c. with effect from 1.1.2022.
On 4/26/2022, the Judge invited the parties to the specification of the conclusions in in relation to the failure to file authorized notes pursuant to art.183 c.p.c.; held the case for decision assigning the parties, pursuant to Article 190 c.p.c., terms of 60 days for the filing of closing statements and an additional 20 days for the filing of reply filing of reply briefs, effective as of June 15, 2022.
The parties filed closing and reply briefs in which they reiterated and insisted that their claims be granted. 


Grounds for the decision
Premise. For the resolution of the present dispute it is necessary, preliminarily, to define the concept of the alleged (term employed by the party) so-called "seigniorage."
This term is "commonly" understood to be the total income from the issuance of money. Through the currency issued, the national central banks perform the institutional functions of monetary policy assigned to them by the European Union. This activity enables national central banks to generate their own monetary income, which is defined by Article 32 of the Protocol on the Statute of the ESCB and the ECB as the "annual income which they derive from the assets held against bills in circulation and deposits made by credit institutions."

In particular, the printing and issuance of money by central banks requires a price, paid by individual states as a quid pro quo for putting the circulation of the currency.
So, the income from so-called "seigniorage" constitutes the flow of interest generated in counterpart of the banknotes in circulation, so-called monetary base, to be included in the monetary income produced by national central banks. This income is centralized and redistributed to individual central banks on the basis of their respective shares in the capital of the ECB. The national central banks, accordingly, make it flow to their respective states once they have deducted their operating expenses and made the necessary provisions.
Over time, however, the increasing creation and sale of money by central banks to member states has resulted in public debts in the heads of the respective Systems. These include, undoubtedly, Italy's.
Thus, a link emerges between so-called "bank seigniorage" and the "sovereignty monetary" of central banks: since the state cannot freely issue money, not even to meet public debt, it is forced to require the ECB and national central banks to issue money, providing adequate counterpart in debt securities.

This link is indicative of the complexity of the issue, the importance of which political-economic has required the introduction of strict legislative limits, both at the national and European level, as well as stringent constraints on ascertainment jurisdiction.


A) Lack of jurisdiction.
As mentioned, the issuance of currency corresponds to the exercise of a prerogative sovereign, a competence reserved for the ECB and the national central banks, under the exclusive authorization of the ECB itself.
This public power finds expression in supranational rules that indicate, as its main source, the European Treaties and the Statute of the ECB and ESCB, implemented in the National System by Article 4 Legislative Decree No. 43/1998.
In particular, the ECB's relations with national central banks are governed by the TFEU. Indeed, it is enshrined in Article 128 TFEU, according to which "The provisions relating to the European Central Bank shall be laid down, together with detailed provisions on the other institutions, in the Treaty on the Functioning of the European Union." This is also confirmed by Article 3(1)(c) TFEU, which establishes exclusive competence for the European Union in matters of monetary policy of member states that have adopted the euro as their currency.
The exclusivity is justified by the fact that the principles dictated by the TFEU, given the scope and relevance of the interests involved, are the expression of a well-established political discretion dating back to the very foundation of the European Community.
Said discretion, precisely because it is such, escapes any form of judicial review.
Indeed, Article 13 TFEU imposes an obligation on member states to ensure that their national legislation and central bank statutes are compatible with the European Treaties, as well as with the statutes of the ECB and ESCB. However, the provision does not give the national court any jurisdiction in this matter.
Pursuant to Articles 256, 263, 265, 268 and 274 TFEU and Article 35 of the Statute of the ECB and ESCB, it is up to the European Courts to have exclusive jurisdiction to hear actions for the annulment of an act allegedly contrary to European law and disputes relating to the European institutions; this core undoubtedly includes issues arising from the issuance of currency.

Ultimately, the national court cannot review the way in which the state performs its sovereign functions, including those of monetary policy, adherence to international treaties and participation in supranational bodies.
On the contrary, the plaintiff's claim is aimed precisely at questioning the choices with which the state, through its institutional bodies, has configured its monetary policy, consistent with its decision to join a system developed within the European framework and to be part of the institutions created within that system.
Hence the absolute defect of ordinary and special jurisdiction regarding the subject matter of the plaintiff's proposed action, lacking with respect to any domestic judge the power to issue a decision on the merits on the legitimacy and/or lawfulness of so-called "bank seigniorage."
All this finding peaceful confirmation in the jurisprudence of legitimacy (SS.UU. Cass. no.16751/2006), the claims raised by the plaintiff are declared inadmissible due to the absence of domestic jurisdiction.

In other respects, the plaintiff's claim that each citizen of the European states participating in the Euro system can directly and personally receive a proportional share of the so-called "monetary seigniorage," i.e., of the income that the issuing institution derives from the coins put into circulation, appears to be based on arguments
of a purely historical and economic nature. Through such arguments the plaintiff aims to highlight not so much a contrast between the behavior of the
defendant institutions and the legal rules on which the monetary income production mechanism is modeled today, but rather an alleged inconsistency between that mechanism and a desired different arrangement to which it, according to the plaintiff, should instead adapt.
Differently, neither the European nor the domestic regulations implementing the treaties recognize that national collectivities and their constituents are entitled to legal positions, both in terms of rights and legitimate interests, that can be brought before national courts.
The plaintiff presumes the existence of a right of action for the claim of ownership of currency in favor of the collectivity and its individual components, giving rise to the legitimacy of the exercise of a popular action not specifically contemplated by any national or supranational norm. Rather, the affair envisaged in the present case appears to fall within the category of simple interests - such insofar as they lack any real legal protection - as opposed to the category of subjective right or legitimate interest, understood as the power of an individual to act to enforce his or her own claim protected by a norm of the Order.
Plaintiff appears aware of this subtle distinction to the extent that he constructs the entire case, as well as the related claims, as a legal position of the individual and the community presumptively recognized by the Ordinance.
It should be specified that in validating a subjective right, the Law makes an assessment of opposing interests to judge which one is most deserving of protection. Simple interests, unlike subject rights, are not governed by any legal rules precisely because they are not deemed worthy of protection before a court.
In other words, although simple interests have special social and economic significance in some cases, they are not actionable before a court of law.
In the present case, despite the asserted qualification of the position asserted by the plaintiff as a subjective right, there is no real legitimacy to be found in the plaintiff's claims against the defendant institutions.
On this point, the jurisprudence of legitimacy has sanctioned the principle of law according to which "it is to be excluded that the monetary mass put into circulation within the countries adhering to the Euro system (and therefore also in Italy) belongs to the collectivity of the citizens of those countries, and that, consequently, each of them can claim pro rata the income from the printing and circulation of said monetary mass (so-called "seigniorage" income), today instead received - as a result of a choice of monetary policy enshrined in regulatory instruments of European law, to the respect of which our country is also bound at the international level - by the European Central Bank and then redistributed among the various national Central Banks" (SS. UU. Cass. no. 16751 /2006).
It is incontrovertible, therefore, the assumption that the claim of any citizen aimed at obtaining, even on behalf of the community, a proportional share of the monetary seigniorage is not configurable in the same way as an interest protected by the Ordinance. Hence, therefore, the inadmissibility of the claims formulated by the plaintiff also for lack of standing.

B) Groundlessness of the issues raised.
Notwithstanding the wholly absorbing nature of the absolute lack of jurisdiction, as well as the lack of standing to sue on the part of the plaintiff, the plaintiff's claims must be considered unfounded, lacking the unjust nature of the alleged damage.
As is well known, the system of currency issuance finds its exclusive source in supranational norms, therefore, it cannot be considered contra ius, being expressly legitimized by existing legal norms.
It follows that the issuance of currency by central banks and the ECB cannot, by the mere fact of its implementation, constitute a tort.

The groundlessness of the party's allegations regarding the unlawfulness of seigniorage by central banks and the ECB is matched by the absorption of the claim for restitution of the public debt, which the plaintiff asked to be determined in relation to the number of Italian citizens, and the claim for restitution of taxes paid within the limits of the statute of limitations.
In light of the reasons set forth, having examined the allegations and productions of the parties, having identified the rules applicable to the case at hand, the claims formulated by the plaintiff are rejected for being inadmissible and unfounded.

C) Litigation Costs.
The costs of litigation follow the set-off. This is a problem that cannot find a legal solution here but which, nevertheless, appears to exist in the abstract and has great social implications.
P.Q.M.
the Tribunal, definitively ruling, any other petition or exception disregarded:
(a) Declares the plaintiff's claim inadmissible;
(b) Compensates for the costs of the litigation.
Rome, The Judge
Alberto Cianfarini

sabato 21 gennaio 2023

Carige: Nuova condanna per Berneschi, colpevole anche ex Cda

Nuova condanna per Berneschi, colpevole anche ex Cda Carige

All'ex presidente di Banca Carige comminati 3 anni

 Giovanni Berneschi, ex presidente di Banca Carige, è stato condannato a 3 anni dal tribunale di Roma per aver ostacolato l'autorità di vigilanza e tenuto comportamenti che avrebbero indotto centinaia di risparmiatori a investire su titoli destinati a precipitare.

A riportarlo sono le edizioni locali di Repubblica e del Secolo XIX.


    La condanna si va ad aggiungere a quella a tre anni e quattro mesi che i giudici di Savona gli avevano comminato per il crac Nucera alla fine di dicembre.
    Oltre a Berneschi è stato condannato l'intero management della banca al tempo dei fatti contestati. I giudici hanno comminato a otto dei dieci imputati una condanna a due anni con la sospensione condizionale. I condannati sono l'ex direttore generale Ennio Lamonica, l'ex condirettore Daria Bagnasco, l'ex consigliere Luca Bonsignore oltre a Mario Venturino, Paolo Odone (presidente dell'Aeroporto ed ex Camera di commercio), Ivo De Michelis, Remo Checconi e Alessandro Scajola (fratello dell'ex ministro e attuale sindaco d'Imperia Claudio).
    Assolto invece il dirigente Maurizio Marchiori, assistito dagli avvocati Federico Cappellini e Mauro Casu. Nessuna condanna e assoluzione per Banca Carige, chiamata in giudizio per responsabilità amministrativa.
    Per il tribunale di Roma i nove condannati sono stati riconosciuti responsabili in primo grado del reato di ostacolo all'autorità di vigilanza, dopo che si è prescritto l'aggiotaggio. L'accusa è quella di aver creato un sistema apposito per nascondere la reale situazione dell'istituto bancario, grazie a false informazioni fornite a Consob e Bankitalia. (ANSA).

lunedì 16 gennaio 2023

L'inesistenza di una SOVRANITÀ MONETARIA PUBBLICA E LEGITTIMA

"Il peggio è tuttavia l’inesistenza della sovranità monetaria, ossia il controllo privato e straniero dell’emissione e circolazione della moneta legale. Il bastone del comando è nelle mani di chi crea il denaro dal nulla, attribuendosene la proprietà: i banchieri. Il primato del denaro sulla dimensione pubblica è stato conquistato dai “mercati”, pseudonimo del potere finanziario di pochi giganti, con la creazione delle banche centrali di cui essi hanno assunto il controllo, appropriandosi della fonte primaria del comando: l’emissione della moneta. Finti enti pubblici per mascherarne la natura di giganteschi poteri privati in mano ai signori del denaro, le banche centrali sono controllate dalla cupola della finanza internazionale e godono di privilegi e immunità ben celate al grande pubblico.

Il trucco non è soltanto la difficile comprensione del concetto di monetazione come creazione ex nihilo– ma la diffusione di un’ideologia economica e finanziaria presentata come scienza esatta- benché arcana nei fondamenti- in base alla quale solo le “autorità monetarie”, altro nome d’arte dei signori privati del denaro, hanno le competenze, la capacità e l’esperienza per creare, distribuire e dirigere i flussi monetari. Di qui la pretesa di indipendenza (ossia onnipotenza e assenza di controllo) del sistema delle banche centrali, che, dicono i loro statuti approvati dagli Stati, “non possono sollecitare o ricevere consigli o disposizioni”, formula acrobatica per mettere nero su bianco il diritto di fare ciò che vogliono.

Chi si azzarda a dir male dei “mercati”, totem e tabù del nostro tempo? Tanto meno delle banche centrali, i cui mitizzati centri studi distillano un indiscutibile sapere quasi esoterico, una dogmatica non dissimile da quella della Chiesa del passato. Peraltro – per restare in patria- gran parte dei connazionali non sa che la Banca d’Italia (oggi semplice socio della BCE) mente sin dalla denominazione: non solo non è pubblica- come farebbe pensare il nome- ma non è neppure italiana, giacché i suoi azionisti, detti pudicamente partecipanti, sono in maggioranza istituiti privati controllati da banche estere, a cominciare da Unicredit e Intesa-San Paolo."

Tratto da: Chi comanda nel mondo? Parte prima - di Roberto Pecchioli https://www.maurizioblondet.it/chi-comanda-nel-mondo-parte-prima/

Svizzeri truffati dalla "Banca Nazionale": i numeri

Svizzeri truffati dalla "Banca Nazionale": i numeri
di Marco Saba

15 gennaio 2023 - Anche quest'anno la Banca Nazionale Svizzera (una società quotata in Borsa, SNBN.SW) trucca il bilancio: sarebbero 132 i miliardi di franchi svizzeri portati a perdita dalla BNS, una ovvia assurdità calcolando che essa crea franchi dal nulla.
Come già spiegai nel 2016 (vedi il video dell'intervento in assemblea a Berna: https://www.youtube.com/watch?v=kuhML5Yb_JA ), la privata "Banca Nazionale Svizzera" non contabilizza il denaro creato come entrata in bilancio. In questo modo, il falso passivo di 132 miliardi equivale a 15.172 franchi a testa rubati ad ogni cittadino svizzero.
Senza contare il signoraggio guadagnato e non dichiarato, e quindi rubato, per il totale della creazione di moneta dalla nascita della banca stessa. Una cifra immensa.
Faccio questo articolo per spiegare la mia affermazione per cui, riguadagnata  la sovranità monetaria al popolo sovrano, in Italia staremmo meglio della Svizzera: perché non avremmo più una banca centrale a derubarci serialmente, ogni anno, di cifre impressionanti.