martedì 24 dicembre 2019

All'origine dei tassi negativi: Keynes e la commissione Macmillan

III. Il comitato Macmillan

Tratto e tradotto da:  Money and Government: The Past and Future of Economics, by Robert Skidelsky Yale University Press, 2018

(Il rapporto MacMillan è qui: http://filestore.nationalarchives.gov.uk/pdfs/small/cab-24-222-CP-160-3.pdf )

[Nota del traduttore: dal 1914 al 1928 il Tesoro britannico aveva emesso biglietti di stato a corso legale; la crisi sembra precipitare proprio con l'interruzione di tale pratica, interruzione ordita da Churchill... Vedere: Currency and Bank Notes Act, 1914]



The first government banknotes

La Grande Depressione del 1929-1932 segna la divisione tra i mondi politici pre-keynesiani e post-keynesiani. Keynes era stato nominato membro del Comitato per le finanze e l'industria di Macmillan, istituito per indagare sulle cause del peggioramento della crisi.

Il suo interrogatorio di funzionari della Banca d'Inghilterra e del Tesoro nel maggio 1930 fu uno scontro chiave tra le vecchie e le nuove teorie della politica macroeconomica.
L'importanza principale delle audizioni del Comitato Macmillan per il pensiero di Keynes era che scuoteva la sua fiducia nella politica monetaria. Fino a quel momento aveva considerato la politica monetaria come la chiave per prevenire o modificare il "ciclo del credito"; la politica fiscale era "la seconda migliore", resa necessaria dai vincoli del gold standard. Ora, la sua enfasi si è spostata sulla politica fiscale, con la politica monetaria in un ruolo puramente di supporto.


Con grande sorpresa di Keynes, i rappresentanti della Banca d'Inghilterra negarono fermamente che la Banca avesse il potere sulle condizioni di credito che Keynes, come altri riformatori monetari, aveva rivendicato per essa. Il tasso bancario, ha dichiarato il Governatore della Banca, Montagu Norman, ha influito solo sul "denaro a breve", lasciando "tutta la massa di credito" poco modificata.


Un altro funzionario della banca, Henry Clay, ha elaborato le prestazioni laconiche di Norman: mentre le condizioni del buon sistema bancario impongono un limite all'importo del credito, l'origine del credito si trova nell'azione dell'uomo d'affari, che si avvicina alla banca per assistenza con una transazione commerciale e la base del credito è la probabilità che la transazione possa essere effettuata con profitto.


"Quello che stai dicendo", obiettò Keynes al funzionario della Banca Walter Stewart, "è che c'è sempre la giusta quantità di credito?" Stewart dubitava che "l'espansione del credito bancario in quantità fosse un fattore determinante per i prezzi e l'attività commerciale. . . ci sono molte cose che le persone possono fare con i soldi oltre all'acquisto di materie prime. Possono risparmiarli. "Tutto ciò che voleva dire, Keynes si aggiunse, era che la Banca avrebbe dovuto "imbottire il sistema con il denaro" e "alimentare gli accaparratori ", al fine di ridurre i tassi a lungo termine. Al che Stewart rispose: "Non avrei immaginato che il credito bancario determinasse il tasso a lungo termine". Keynes ammise che quando una depressione diventava troppo profonda, potrebbe essere richiesto un "tasso di interesse negativo" per far uscire i soldi dagli accaparratori, ma normalmente "una fornitura di credito ragionevolmente abbondante farebbe il gioco". Stewart ha insistito: "Solo se i mutuatari vedevano la prospettiva di realizzare un profitto e di rimborsare i debiti". Keynes venne spinto a sostenere che "sebbene [l'offerta di credito] possa essere solo un fattore di bilanciamento, è il fattore più controllabile". Al che Stewart rispose: "Potrebbe essere l'unica cosa che la Banca Centrale può fare; ma non mi sembra essere l'unica cosa che gli uomini d'affari possono fare. . . Considero gli adeguamenti salariali sempre più importanti. . . [di] qualsiasi cosa i banchieri possano fare." 


La Banca sosteneva che, senza un aiuto, non avrebbe potuto salvare l'economia dalla crisi. (43) Esattamente la stessa questione, con gli stessi argomenti di entrambe le parti, è riemersa con l'allentamento quantitativo (QE), a seguito del crollo economico del 2008-2009. Questi sono i progressi nella scienza economica!

La convinzione di Keynes sulla terapia monetaria fu scossa, ma non distrutta. Egli credeva ancora che quando i tassi di interesse fossero stati abbassati, una nuova gamma di progetti di investimento sarebbe diventata redditizia. Ma ha ammesso che il tasso bancario era uno strumento più debole, per garantire tassi più bassi, di quanto si credesse. Andava benissimo parlare di "dare da mangiare all'accaparratore", ma supponiamo che il suo appetito fosse insaziabile? Il risultato sarebbe stato una situazione di stallo del credito. Nel 1932 scriveva:
Può ancora succedere che il creditore, con la sua fiducia sconvolta dalla sua esperienza, continuerà a chiedere nuovi tassi d'interesse aziendali che il mutuatario non può aspettarsi di guadagnare. . . Se ciò si verificasse, non vi sarà alcun modo di sfuggire alla depressione prolungata e forse interminabile se non mediante l'intervento diretto dello Stato per promuovere e sovvenzionare nuovi investimenti. (44)


Questo passaggio segna la sconfitta delle speranze dei riformatori monetari. Non sono i soldi a controllare le aspettative sull'economia; sono le aspettative sull'economia che controllano le aspettative sul denaro. In una profonda crisi non era più sufficiente gestire le aspettative sul futuro del livello dei prezzi; le aspettative che dovevano essere gestite riguardavano il futuro della produzione e dell'occupazione. Ciò richiedeva una politica fiscale.


Ma la politica fiscale per combattere la crisi offrì il proprio ostacolo sotto forma della Treasury View, presentata al Comitato Macmillan dal formidabile Sir Richard Hopkins. Keynes pensava di sapere cos'era la Treasury View e di essere in grado di confutarla. Il Ministero del Tesoro aveva sostenuto che la spesa pubblica finanziata dal prestito non poteva aumentare gli investimenti e l'occupazione, ma solo deviarli dagli usi esistenti.
Questo era vero, Keynes era disposto a dire, solo presupponendo la piena occupazione. Ma Hopkins lo aveva previsto.
Il Tesoro non si oppose al prestito del governo in quanto tale, Hopkins disse a Keynes; non pretendeva nemmeno che tutto il capitale privato fosse già utilizzato. La sua obiezione era al particolare piano presentato da Lloyd George. Questo piano, "lungi dall'avvio di un ciclo di prosperità" come sperava Keynes, molto più probabilmente "produrrebbe una grande protesta contro la burocrazia" e il capitale fuggirebbe dal paese, quindi i prestiti dovrebbero essere "erogati a un alto prezzo'. Il piano di Lloyd George non avrebbe probabilmente ritardato la necessaria caduta dei tassi di interesse? Bene, persisteva Keynes, supponiamo che invece di prendere in prestito il denaro dal pubblico, il governo lo abbia preso in prestito dalla Banca d'Inghilterra. È "fantastico", Hopkins rispose:
'Se ho ragione nel pensare che un grande prestito direttamente raccolto nel modo ordinario porterebbe con sé un cattivo sentimento pubblico e delle ripercussioni negative. . . non posso immaginare cosa succederebbe se venisse intrapreso con quella che normalmente viene chiamata semplice inflazione."  

Il presidente, Lord Macmillan, concluse: " Penso che possiamo definirla come una partita patta ". (45)

Facciamo un passo indietro per un momento. Quello che Hopkins aveva fatto era invocare ciò che Paul Krugman nel 2010 chiamava "la fata della fiducia": (46) l'opinione che gli effetti di un deficit di bilancio sull'economia dipendono dalle aspettative della comunità imprenditoriale. Più in generale, qualsiasi politica doveva tener conto della reazione psicologica ad essa. Questo per dire che il successo di una politica dipende dal modello dell'economia nelle menti della comunità imprenditoriale. Se credono che un programma di investimenti di capitale finanziato tramite un prestito pubblico peggiorerà le cose, reagirà in un modo che peggiorerà le cose. Non era il prestito dello stato in sé, ma la perdita di fiducia nella finanza pubblica implicata da quel prestito, che avrebbe creato il "buco" nel capitale privato.


Non c'è dubbio che Keynes sia stato disturbato dalla strega della fiducia di Hopkins. L'esperienza del crollo non era di per sé sufficiente per allentare la presa della vecchia religione. Ciò potrebbe essere fatto solo da un diverso modello di economia. La teoria generale di Keynes del 1936 fu il tentativo di creare quel modello diverso.


Note:

43 - Comitato Macmillan (1929–1931), qq. 3382, 7690, 7783, 7647, 7653, 7836, 7662, 7835, 7841–3, 7847. Per il commento di Clay vedi Clay (1930), citato in Skidelsky (1992), p. 357. 

44 - Conferenza di Keynes Halley-Stewart del 4 febbraio 1932, citata in Skidelsky (1992), p. 441.

45 - Vedere Skidelsky (1992), pagg. 356–62 per ulteriori dettagli su questi incontri e fonti di citazioni. Per i dibattiti su Treasury View, vedi anche Clarke (1988), cap. 3.

46 - Krugman (2010)

domenica 22 dicembre 2019

Contro gli economistici: come difendersi dall'ottusità intellettuale

Contro gli economistici: come difendersi dall'ottusità intellettuale

Traduzione di: Against Economics




Money and Government: The Past and Future of Economics

by Robert Skidelsky
Yale University Press, 492 pp., $35.00

Fonte:  https://www.nybooks.com/articles/2019/12/05/against-economics/



Men’s Retreat, 2005; painting by Dana Schutz
Dana Schutz/Petzel, New York City - Dana Schutz: Men’s Retreat, 2005

Vi è una crescente sensazione, tra coloro che hanno la responsabilità di gestire le grandi economie, che la disciplina economica non sia più adatta allo scopo. Sta iniziando a sembrare una scienza progettata per risolvere problemi che non esistono più.

Un buon esempio è l'ossessione per l'inflazione. Gli economisti insegnano ancora ai loro studenti che il ruolo economico primario del governo - molti direbbero, il suo unico ruolo economico davvero adeguato - è quello di garantire la stabilità dei prezzi. Dobbiamo essere costantemente vigili sui pericoli dell'inflazione. Per i governi semplicemente stampare denaro è quindi intrinsecamente peccaminoso. Se, tuttavia, l'inflazione viene tenuta a bada attraverso l'azione coordinata del governo e dei banchieri centrali, il mercato dovrebbe trovare il suo "tasso naturale di disoccupazione" e gli investitori, sfruttando chiari segnali di prezzo, dovrebbero essere in grado di garantire una crescita sana. Queste ipotesi arrivarono con il monetarismo degli anni '80, l'idea che il governo dovesse limitarsi alla gestione dell'offerta di moneta, e negli anni '90 era stato accettato come un tale buon senso elementare che praticamente tutto il dibattito politico doveva partire da un rituale riconoscimento dei pericoli della spesa pubblica. Questo continua ad essere il caso, nonostante il fatto che, dalla recessione del 2008, le banche centrali stessero stampando denaro freneticamente nel tentativo di creare inflazione e costringere i ricchi a fare qualcosa di utile con i loro soldi, e in gran parte non hanno avuto successo in entrambi gli sforzi .

Ora viviamo in un universo economico diverso rispetto a prima del crollo. Il calo della disoccupazione non fa più aumentare i salari. La stampa di denaro non provoca inflazione. Tuttavia, il linguaggio del dibattito pubblico e la saggezza trasmessa nei libri di testo economici rimangono pressoché invariati.
 
Ci si aspetta un certo ritardo istituzionale. Al giorno d'oggi gli economisti mainstream potrebbero non essere particolarmente bravi a prevedere gli arresti finanziari, a facilitare la prosperità generale o ad elaborare modelli per prevenire i cambiamenti climatici, ma quando si tratta di affermarsi in posizioni di autorità intellettuale, non affetti da tali carenze, il loro successo non ha eguali. Bisognerebbe guardare alla storia delle religioni per trovare qualcosa di simile. Fino ad oggi, l'economia continua ad essere insegnata non come una storia di argomenti - non, come qualsiasi altra scienza sociale, come un guardiano di prospettive teoriche spesso in guerra tra loro - ma piuttosto come qualcosa di più simile alla fisica, la graduale realizzazione di verità matematiche universali e ineguagliabili. 
 
Esistono ovviamente teorie "eterodosse" dell'economia (istituzionalista, marxista, femminista, "austriaca", post-keynesiana ...), ma i loro esponenti sono stati quasi completamente esclusi da quelli che sono considerati dipartimenti "seri", e addirittura le ribellioni degli studenti di economia (dal movimento economico post-autistico in Francia all'economia post-crash in Gran Bretagna) non sono riuscite in gran parte ad inserirli nel curriculum di base.

giovedì 12 dicembre 2019

Dovrebbe/potrebbe essere ripristinata la cancellazione del debito attraverso il Giubileo?

Dovrebbe/potrebbe essere ripristinata la cancellazione del debito attraverso il Giubileo? In caso contrario, quali misure alternative di riduzione del debito e ridistribuzione potrebbero essere possibili?
Michael Hudson e Charles Goodhart
 

Sommario

In questo articolo gli autori ricordano la storia delle cancellazioni del debito tramite il Giubileo, sottolineando quale fosse il loro scopo sociale in quel momento. Si nota che al giorno d'oggi non sarebbe possibile copiare esattamente quella procedura, principalmente perché la maggior parte dei rapporti debito / credito sono intermediati tramite istituti finanziari, come banche, compagnie assicurative, ecc., piuttosto che direttamente da governi o famiglie benestanti. Ma si sostiene che lo scopo sociale sottostante di tali Giubilei - ovvero di mantenere il debito all'interno della ragionevole capacità di essere pagato senza polarizzazione sociale ed economica - potrebbe essere ricreato attraverso meccanismi alternativi. Si trattano gli argomenti politico-economici a favore e contro, per come farlo.


(Pubblicato come Global Solutions Paper)
 

JEL E60 E61 E62 E65 H10 H23 H80 N30 N35 P43 Q15 R52
Parole chiave;
Disuguaglianza, giubilei di cancellazione del debito; Imperi babilonesi e bizantini; partecipazione azionaria; prestiti studenteschi; tassa territoriale

Citazione: Michael Hudson and Charles Goodhart (2018). Could/should Jubilee debt cancellations be reintroduced today? If not, what alternative measures of debt relief and redistribution might be possible? Economics: The Open-Access, Open-Assessment E-Journal, 12 (2018-45): 1–25. http://dx.doi.org/10.5018/economics-ejournal.ja.2018-45



1 - Introduzione

In molti paesi il principale debitore è il settore pubblico. Tale debito alla fine sarà pagato dai contribuenti di ciascun paese, a meno che non sia ripudiato o sgonfiato. Ma i creditori in molti, forse la maggior parte dei paesi, sono anche principalmente locali, ad esempio i fondi pensione che detengono debito pubblico. Dobbiamo il debito a nostri compaesani. (1) Ciò ha portato a un rinnovato interesse per la questione se non potessimo semplicemente cancellare tale debito interno.


venerdì 6 dicembre 2019

Crisi delle banche, tra banalità e tabù

Crisi delle banche, tra banalità e tabù
Marco Saba, 6 dicembre 2019

https://pure.unipa.it/it/publications/accounting-meets-economics-towards-an-accounting-view-of-money-2


banale agg. [dal fr. banal «appartenente al signore», poi «comune a tutto il villaggio», e di qui il sign. moderno; der. di ban «bando»] 
- Vocabolario Treccani

L'aggettivo banale è un termine utilizzato nel linguaggio matematico per riferirsi a particolari istanze di oggetti, strutture, soluzioni (come gruppi, spazi topologici, metriche, ecc.), che si presentano con caratteri di bassissima complessità. Gli oggetti contrassegnati come banali sono quelli più difficilmente figurabili da una mente aliena al pensiero matematico. Alfred North Whitehead, filosofo e matematico britannico, che insieme a Bertrand Russell fu autore dei tre volumi di cui si compongono i Principia Mathematica, affermava che ci vuole una mente eccezionale per affrontare l'analisi dell'ovvio. In effetti, la banalità raccoglie poi sempre gli applausi da tutti, una volta svelata.

Con delle eccezioni: quando la questione è oggetto di un forte tabù non scritto.

Questo succede quando esiste una realtà banale ma scomoda, si pensi alla "Banalità del male" [1] di Hannah Arendt: non solo questa realtà viene ignorata a livello popolare, ma anche dall'accademia e dalle istituzioni. Qui mi riferisco alla questione del signoraggio bancario e alla crisi bancaria che deriva dall'ignorarlo.
Il signoraggio è il guadagno che il signore - il sovrano del luogo - ottiene dalla creazione di moneta: la differenza tra il costo di creazione ed il valore convenzionale attribuito, o "valore facciale".

Ludwig von Mises scriveva già nel 1953: [2] “È noto che alcune banche di deposito a volte aprono conti di deposito senza una copertura monetaria non solo allo scopo di concedere prestiti, ma anche allo scopo di procurarsi direttamente risorse per proprio conto. Più di una delle moderne banche commerciali e creditizie ha investito una parte del suo capitale in questo modo e la questione del giusto atteggiamento in questo caso dei detentori dei sostituti del denaro e del legislatore statale che si sente chiamato a proteggili, rimane aperto. In passato si era verificato un problema simile relativo all'emissione di banconote fino a quando la pratica bancaria o la legge non prescrissero dei prestiti a breve termine come "copertura".
L'emittente di mezzi fiduciari può tuttavia considerare il valore dei mezzi fiduciari messi in circolazione come un'aggiunta al suo reddito o capitale. Se lo fa, non si prenderà la briga di coprire l'aumento dei suoi obblighi a causa dell'emissione mettendo da parte un fondo di credito speciale dal suo capitale. Intascherà i profitti dell'emissione, che nel caso della moneta simbolica si chiama signoraggio, conformemente come qualsiasi altro tipo di reddito.
L'unica differenza tra i due modi di mettere in circolazione i mezzi fiduciari sta
nell'atteggiamento dell'emittente."

Naturalmente, questo non può avere alcun significato per la determinazione del valore dei mezzi fiduciari. La differenza tra i metodi di emissione è il risultato di fattori storici. I mezzi fiduciari sono nati da due radici diverse: dalle attività delle banche di deposito e di giro da un lato e dalla prerogativa statale di conio dall'altro. La prima è la fonte di banconote e conti correnti; la seconda, quella delle note del Tesoro convertibili, delle monete fisiche e del denaro corrente a cui è limitata la monetazione, ma che non può essere considerata né come moneta di credito né come moneta legale perché in realtà è convertibile su richiesta in moneta a corso legale per l'intero importo. Oggi la differenza tra i due metodi di emissione sta gradualmente scomparendo, tanto più che lo Stato si sforza di agire allo stesso modo delle banche nell'emissione di mezzi fiduciari. Alcuni Stati hanno già l'abitudine di dedicare i profitti della loro coniazione a scopi speciali e di rifiutarsi assolutamente di trattarli come un aumento della propria ricchezza.
Come nel caso del fondo svizzero di riserva in valuta istituito dall'art. 8 della Legge monetaria del 31 gennaio 1860. [3]

Il meccanismo con cui le banche commerciali ottengono il signoraggio, di cui se ne parla anche sul sito della Banca Mondiale [4], non viene però correttamente contabilizzato, cosicché le banche paiono sempre essere in penuria di “capitale”. Infatti la creazione di denaro bancario non risulta come afflusso di cassa, ma come un flusso negativo (deflusso) che viene annullato alla restituzione del capitale nel caso dei prestiti. Solo gli interessi risultano così come unico incasso della banca. Il denaro clandestino che rimane però nel conto accentrato della banca, suscita delle domande sulla sua reale destinazione finale.

L’avvocato ginevrino Parick Dimier [5] ha suggerito nel 2016 di tassare la creazione di denaro bancario, ma senza risultato. Nel 2018 ci fu addirittura un referendum “Moneta Intera” [6] che chiedeva di passare questo potere alla BNS, ottenendo però solo il 25% di voti favorevoli.

D’altra parte non avrebbe raggiunto il risultato sperato perché anche la Banca Nazionale Svizzera bara sulla contabilizzazione della creazione monetaria indicandola come un falso passivo nei suoi bilanci, sottraendo così ai Cantoni la loro quota-parte di signoraggio. Su questo argomento feci proprio un intervento in occasione dell’assemblea degli azionisti BNS nel 2016 [7]. Occorre ricordare che la BNS fece addirittura passare nel 2015 una legge che la esonerava dalla pubblicazione del Rendiconto finanziario [8].

La banalità è questa: se tutte le banche registrassero correttamente la creazione di denaro nei flussi di tesoreria, si scoprirebbe che non ci sarebbe più motivo di preoccuparsi di una crisi del settore, perché chi crea moneta non può avere mai problemi di solvibilità.
La Svizzera ha una particolare responsabilità perché ospita la Banca dei Regolamenti Internazionali (BIS) che, ignorando la realtà banale della pratica bancaria, fissa da Basilea periodicamente delle regole complicate che non riescono a raggiungere lo scopo di stabilizzare il sistema bancario internazionale (Basilea I, Basilea II, Basilea III, etc.).

Questo fa pensare che, effettivamente, la lezione del prof. Quigley sia davvero
rappresentativa della reale agenda del sistema:
“I poteri del capitalismo finanziario avevano un obiettivo più ampio, niente meno che la creazione di un sistema globale di controllo finanziario in mani private in grado di dominare il sistema politico di ciascuna nazione e l’economia mondiale nel suo complesso. Questo sistema andava controllato in stile feudale dalle banche centrali di tutto il mondo, agendo di concerto, per mezzo di accordi segreti raggiunti in frequenti incontri privati e conferenze. Al culmine della piramide ci doveva essere l’elvetica Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) di Basilea, una banca privata posseduta e controllata dalle banche centrali mondiali che a loro volta erano imprese private”.[9]

Penso che è giunto il momento di aggiornare quell’agenda perché oggi, grazie a Internet, ricostruire e mappare la rete delle complicità sarebbe troppo un gioco da ragazzi.



Note:

1] La banalità del male apparve come "Eichmann in Jerusalem - A Report on the Banality of Evil"
https://it.wikipedia.org/wiki/La_banalit%C3%A0_del_male

2] Ludwig von Mises, The Theory of Money and Credit,Yale University Press, 1953, p.278-279)
https://mises.org/library/theory-money-and-credit

3] Vedere: Hans Altherr, “Eine Betrachtung über neue Wege der schweizerischen Münzpolitik”
(Considerazione su nuovi sbocchi per la politica monetaria svizzera), Berna, A. Francke, 1908; pp.61 e seguenti.

4] Bossone – Costa, The “accounting view” of money
https://blogs.worldbank.org/allaboutfinance/accounting-view-money-money-equity-part-i

5] Tassare la creazione monetaria - Gran consiglio di Ginevra, 16 dicemnre 2016
https://www.youtube.com/watch?v=H2izM0eb-7c

6] Iniziativa referendum “Moneta Intera”
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/votazioni/20180610/Iniziativa-Moneta-intera.html

7] Intervento di KPMG e Saba all'assemblea BNS 2016
https://www.youtube.com/watch?v=kuhML5Yb_JA

8] Legge federale sulla Banca nazionale svizzera:
Art. 29 Consuntivo annuale
...La Banca nazionale non deve segnatamente presentare un conto dei flussi di tesoreria...
Nuovo testo giusta il n. 8 dell’all. alla L del 19 giu. 2015 sull’infrastruttura finanziaria, in vigore dal 1° gen. 2016 (RU
2015 5339 ; FF 2014 6445 ).
https://www.admin.ch/opc/it/classified-compilation/20021117/index.html#a29

9] Carroll Quigley, Tragedy and Hope: A History of the World in Our Time (New York: Macmillan,
1966), pag. 324
http://www.carrollquigley.net/pdf/Tragedy_and_Hope.pdf

FITD: la truffa grottesca e crudele della "tutela" dei depositi



Il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, un racket nel racket, ricorda l'analogo istituto statunitense dell'assicurazione sui depositi FDIC analizzato da Murray Rothbard nel celebre testo "The Case Against The FED".
  Questo tema rappresenta in un certo qual modo l'anello di congiunzione ideale tra due pianeti dai meccanismi abbastanza sconosciuti al grande pubblico: quello bancario e quello assicurativo.

E' da notare che basterebbe dichiarare il denaro bancario per quello che oggi è, ovvero denaro a corso legale, valido per tutti i pagamenti pubblici e privati, per vedere chiaramente che non c'è nessuno bisogno di alcuna "assicurazione". Se questo non si fa è solo per ingannare il pubblico e permettere l'appropriazione privata del signoraggio sovrano attraverso una truffa contabile.

Riportiamo il capitolo DEPOSIT "INSURANCE" tradotto in italiano.

"Assicurazione" sui depositi

Non abbiamo ancora esaminato un altro importante cambiamento operato nel sistema finanziario statunitense dal New Deal. Nel 1933, si proclamò l'assicurazione contro l'eruzione di fallimenti bancari che avevano afflitto il paese durante la depressione. Con l'avvento di Franklin Roosevelt, il sistema bancario a riserva frazionaria era crollato, rivelando la sua insolvenza intrinseca; i tempi erano maturi per una riforma totale e genuina, per una pulizia del sistema monetario americano mettendo fine, finalmente, alle mendacità e ai mali seducenti delle banche a riserva frazionaria. 

   Invece, l'amministrazione Roosevelt andò sorprendentemente nella direzione opposta: precipitando in una grande frode sul pubblico americano sostenendo di salvare la nazione dalle banche insolventi attraverso la nuova Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC). La FDIC, proclamata dall'amministrazione, aveva ora "assicurato" tutti i depositanti bancari contro le perdite, sostenendo così il sistema bancario con un massiccio salvataggio garantito in anticipo. Ma, naturalmente, è tutto un gioco di specchi. Per prima cosa, la FDIC ha solo una piccola frazione (1 o 2 percento) dei depositi che afferma di "assicurare". La validità di tale "assicurazione" governativa può essere rapidamente misurata rilevando la catastrofe della fine degli anni '80 nell'industria del risparmio e dei prestiti. I depositi di quelle banche a riserva frazionaria si erano presumibilmente garantiti in modo sicuro con l'assicurazione fornita da un'altra agenzia federale, l'ormai defunta e un tempo lodata, Federal Savings and Loan Insurance Corporation.

Un problema cruciale dell'assicurazione sui depositi è l'applicazione fraudolenta del termine onorifico "assicurazione" a sistemi come le garanzie sui depositi. La vera assicurazione ha ottenuto le sue connotazioni benevole nella mente del pubblico dal fatto che, se applicata correttamente, funziona molto bene. Le assicurazioni si applicano correttamente ai rischi di future calamità che non sono prontamente soggetti al controllo del singolo beneficiario e in cui l'incidenza può essere prevista con precisione in anticipo. I "rischi assicurabili" sono quelli in cui possiamo prevedere un'incidenza di calamità nei grandi numeri, ma non nei singoli casi: vale a dire, non sappiamo nulla del singolo caso tranne che è un membro di una certa classe. Pertanto, potremmo essere in grado di prevedere con precisione quante persone di 65 anni moriranno entro il prossimo anno (ma non chi). In tal caso, le persone di età pari o superiore a 65 anni possono raggruppare i premi annuali, con il pool dei premi concesso a beneficio dei sopravvissuti allo sfortunato defunto.

Più, tuttavia, diventa possibile avere conoscenza dei singoli casi, più questi casi devono essere separati in classi separate. Pertanto, se uomini e donne di 65 anni hanno tassi di mortalità medi diversi o quelli con condizioni di salute diverse hanno tassi di mortalità variabili, devono essere suddivisi in classi separate. Perché se non sono, e, ad esempio, i sani e i malati sono costretti a pagare gli stessi premi in nome dell'egualitarismo, allora ciò che abbiamo non è più un'autentica assicurazione sulla vita ma piuttosto una ridistribuzione forzata di reddito e ricchezza.


Allo stesso modo, per essere "assicurabile" la calamità deve essere al di fuori del controllo del singolo beneficiario; in caso contrario, incontriamo il fatale difetto del "rischio morale", che elimina nuovamente il piano dalla classe dell'autentica assicurazione. Pertanto, se esiste una assicurazione antincendio in una determinata città, basata sull'incidenza media di incendi in diversi tipi di edifici, ma gli assicurati sono autorizzati a accendere il fuoco per riscuotere l'assicurazione senza indagine o sanzione, allora di nuovo un'autentica assicurazione ha lasciato il posto a un racket ridistributivo. Allo stesso modo, in medicina, malattie specifiche come l'appendicite possono essere prevedibili in grandi classi e quindi veramente assicurabili, ma semplicemente andare dal medico per un controllo o per vaghi mali non è assicurabile, poiché questa azione è totalmente sotto il controllo dell'assicurato, e quindi non può essere prevista dalle compagnie assicurative.

Ci sono molte ragioni per cui le imprese sul mercato non possono in alcun modo essere "assicurate" e perché il concetto stesso applicato a un'impresa è assurdo e fraudolento. La vera essenza dei "rischi" o dell'incertezza affrontata dall'imprenditore aziendale è l'esatto contrario del rischio misurabile che può essere alleviato dall'assicurazione. I rischi assicurabili, quali morte, incendio (se non provocato dall'assicurato), incidente o appendicite, sono eventi omogenei, replicabili, casuali, che possono quindi essere raggruppati in classi omogenee che possono essere previste nei grandi numeri. Ma azioni ed eventi sul mercato, sebbene spesso simili, sono intrinsecamente unici, eterogenei e non sono casuali ma si influenzano a vicenda e sono quindi intrinsecamente non assicurabili e non soggetti a raggruppamento in classi omogenee misurabili in anticipo. Ogni evento di azione umana sul mercato è unico e non misurabile. L'imprenditore è precisamente la persona che affronta e sopporta i rischi intrinsecamente non assicurabili del mercato. [42]



 Ma se nessuna impresa può mai essere "assicurata", quanto più vale per una banca a riserva frazionata! L'essenza stessa del sistema bancario a riserva frazionaria è che la banca è intrinsecamente insolvente e che la sua insolvenza verrà rivelata non appena il pubblico illuso si renderà conto di ciò che sta succedendo e insiste nel riacquistare il denaro materiale in cui erroneamente pensa di essere salvaguardato dalla sua fidata banca di quartiere. Se nessuna impresa può essere assicurata, allora un'industria composta da centinaia di imprese insolventi è sicuramente l'ultima istituzione sulla quale chiunque può parlare di "assicurazioni" con una faccia seria. L'"assicurazione sui depositi" è semplicemente una truffa fraudolenta e crudele, poiché può depredare il risparmio di una vita e lo stock di denaro di tutto il pubblico.


Nota 42: Questa differenza cruciale è stata proprio la rivelazione più importante dell'opera classica di Frank H. Knight, Risk, Uncertainty and Profit, 3a ed. (Londra: London School of Economics, [1921] 1940).

Altre citazioni di Rothbard:

... i depositi bancari a riserva frazionaria non sono in alcun modo "assicurabili". 
Case Against the Fed, p. 150
 
L'idea stessa di "assicurazione sui depositi" è una truffa ... 

Making Economic Sense, p. 284
 
Il concetto stesso di "assicurazione sui depositi" è fraudolento; come si può "assicurare" un intero settore intrinsecamente insolvente? Sarebbe come assicurare il Titanic dopo che ha colpito l'iceberg.  

Making Economic Sense, p. 290
 
È impossibile "assicurare" un'impresa, ancor meno un'industria, che è intrinsecamente insolvente. Le banche di riserva frazionarie, essendo intrinsecamente insolventi, non sono assicurabili. 

Making Economic Sense, p. 327
 
Un altro recente strumento americano per abolire la limitazione di fiducia sul credito bancario è "l'assicurazione sui depositi", in base alla quale il governo garantisce di fornire moneta bancaria per riscattare le passività delle banche (moneta bancaria).  

Man, Economy, and State with Power and Market, p. 1014

giovedì 5 dicembre 2019

PwC: la botte piena e la moglie ubriaca

Bean Counters: PwC DOUBLE STANDARDS



Eatratto da:

Bean Counters: The Triumph of the Accountants and How They Broke Capitalism

 Pag. 122


I DOPPI STANDARD


Dopo un giorno dalla caduta della Lehman, il gigante assicurativo American International Group (AIG) ha ricevuto il primo salvataggio finanziato dai contribuenti. La sua unità di prodotti finanziari AIG-FP aveva mal giudicato il mercato assumendo enormi esposizioni sul mercato dei subprime. Nel corso degli anni del boom aveva sottoscritto credit default swap (CDS), assicurando le banche contro le perdite nelle loro partecipazioni di obbligazioni di debito garantite da subprime. Quando i CDO (un CDO - Collateralized debt obligation - è letteralmente un'obbligazione che ha come garanzia collaterale un debito) iniziarono a vacillare e il rating del credito di AIG veniva ridotto, questa è stata costretta a consegnare quantità crescenti di garanzie, o anticipazioni in contanti, a causa di eventuali pagamenti finali, alle banche all'altra estremità dei contratti di credit default swap.


Dopo un altro declassamento del rating nel giorno del crollo di Lehman, le esigenze di garanzia di AIG sono aumentate al punto da non poter più raccogliere i soldi richiesti. Per evitare un altro caso Lehman - con conseguenze di vasta portata per tutte le altre controparti di AIG-FP - la Federal Reserve è intervenuta con un salvataggio di 85 miliardi di dollari.

Come ci è arrivata una compagnia di assicurazioni che una volta era ritenuta tanto solida? Il punto centrale di AIG e dei suoi prodotti finanziari non era forse quello di poter sostenere e gestire i rischi? La successiva Commissione d'inchiesta sulla crisi finanziaria del governo degli Stati Uniti avrebbe attribuito la colpa a "le sue enormi vendite di credit default swap [che] sono state fatte senza costituire la necessaria garanzia iniziale, accantonando riserve di capitale o coprendo la sua esposizione". 43

In altre parole, AIG-FP aveva drasticamente sottovalutato le sue potenziali perdite.



I dettagli - che sarebbero emersi in seguito - dei suoi rapporti con la sua più grande controparte di credit default swap, Goldman Sachs, hanno rivelato l'utile ruolo del suo revisore contabile, PwC, nella sottostima.

Quando gli eventi del 2007 hanno colpito il valore del portafoglio CDO di Goldman Sachs, la banca aveva calcolato che i credit default swap stipulati con AIG-FP avrebbero dovuto pagare un'assicurazione contro tali perdite. Aveva pertanto richiesto che AIG-FP consegnasse più di 1 miliardo di dollari di garanzie reali a causa del possible risultato finale. AIG-FP aveva sostenuto una visione diversa, insistendo sul fatto che i contratti non avrebbero dovuto essere pagati.

Mentre la controversia continuava a rimbombare, in diversi rapporti trimestrali e annuali ai mercati AIG e Goldman continuavano a esporre valori ampiamente divergenti agli swap - che potevano in realtà avere un solo valore - e quindi alla garanzia che doveva essere consegnata. Goldman stava usando un modello che riduceva i contratti di ben il 40% del loro valore totale, poiché si aspettava di ricevere ulteriori pagamenti per compensare i premi che stava pagando. Il che andava bene con i suoi revisori di PwC [NdT: cosiddetto "schema Ponzi"]. AIG-FP, d'altra parte, non aveva alcun modello con cui valutare i contratti e dava loro un valore pieno senza sconti. Anche i suoi revisori, che erano anch'essi della PwC e guidati dal capo dei servizi finanziari statunitense Tim Ryan, erano d'accordo. La più grande azienda di contabilità del mondo si è quindi addormentata mentre due dei suoi clienti più grandi e sistematicamente più importanti, nonostante la sua piena conoscenza, valutavano le stesse poste di bilancio in un modo completamente divergente.

Se ciò può accadere con lo stesso revisore contabile di entrambe le parti di un affare, figuriamoci quale contabilità contraddittoria che invece coinvolge diversi revisori dei conti, potrebbe esserci là fuori in giro. 
Il vicepresidente di lunga data di Warren Buffett al Berkshire Hathaway, Charlie Munger, espresse la sua esasperazione in un'intervista del 2009:  
"Due aziende fanno un grande affare di derivati. I contabili di entrambe le parti mostrano un grande profitto proveniente dallo stesso affare [quando il profitto da una parte dovrebbe eguagliare la perdita dall'altra]. . . e nessuno si è nemmeno infastidito dal fatto che ciò accada. " 
A titolo di spiegazione dello scenario che "viola i principi più elementari del buonsenso ", ha profferto: "C'è una domanda precisa da parte dei promotori finanziari ". E loro ottengono ciò che vogliono dai contatori di fagioli.  La professione contabile, concluse Munger, "è una fogna". 44

PwC alla fine indusse AIG a provare a valutare correttamente gli swap rilevanti.
Ma quando il modello utilizzato in precedenza rivelò una perdita noiosa di $ 5,1 miliardi alla fine del 2007, la società ridusse arbitrariamente la cifra a $ 1,5 miliardi. PwC annuì con approvazione. I risultati, più lusinghieri, placarono debitamente gli analisti di borsa. 
Quattro mesi dopo, nel febbraio 2008, PwC disse ad AIG che la mossa era stata "impropria e non supportata" e che "questa carenza era una debolezza materiale". I bilanci dovevano essere riscritti. "Il motivo per cui i revisori hanno atteso così tanto tempo per pronunciare questa dichiarazione non è chiaro", scrisse la Commissione d'inchiesta sulla crisi finanziaria tre anni dopo, "in particolare visto che PwC era a conoscenza della manipolazione già da novembre". 45

Il motivo per cui i revisori hanno giocato insieme con la falsa contabilità nei momenti chiave stava diventando evidente. I profitti gonfiati e le perdite nascoste erano diventati il sistema di supporto vitale per il sistema finanziario, dal quale i contatori di fagioli beneficiavano proprio come i banchieri che essi stessi servivano. Nel 2007, PwC in tutto il mondo aveva guadagnato 7 miliardi dei suoi 25 miliardi di dollari di ricavi, solo dai servizi finanziari. 46
Appoggiare i maggiori pagatori di queste notule come AIG e Goldman Sachs valeva una "piccola" duplicità.

Note:

43. Final Report of the National Commission on the Causes of the Financial and Economic Crisis in the United States, gennaio 2011, p.273

44. Intervista al professore Joseph A. Grundfest della Stanford University, 2009. Disponibile sul sito di Ian Fraser, http://www.ianfraser.org/charlie-munger-getting-accounting-integrity-right-has-enormous-implications-for-future-of-mankind/

45. Rapporto finale della National Commission on the Causes of the Financial and Economic Crisis in the United States, gennaio 2011, p.273.

46. Rapporto annuale mondiale PwC, 2007. Le entrate comprendono i mercati bancari e finanziari, la gestione degli investimenti e le assicurazioni.
https://www.pwc.co.uk/assets/pdf/annual-report07.pdf

domenica 24 novembre 2019

Bilanci falsi delle banche: perché i revisori restano impuniti (LLP)

FATE CASO ALLA RAPINA

Tratto da: "Bean Counters: The Triumph of the Accountants and How They Broke Capitalism", di Richard Brooks, 2018. (Un testo sulla corruzione profonda delle società di revisione contabile.)



Il modo in cui le principali società di contabilità britanniche sono diventate partenariato a responsabilità limitata (LLP, Limited Liability Partnership) è un episodio particolarmente squallido nella storia della contabilità. 


Nel 1989, infatti, una nuova legge sulle società (Companies Act) aveva già consentito ai contabili di operare come società a responsabilità limitata, ma ciò avveniva al prezzo dello status di partenariato che le aziende presumibilmente apprezzavano per la sua importanza "culturale". In effetti, i conta-fagioli erano più legati ad esso per i vantaggi fiscali derivanti dall'essere partner autonomi piuttosto che direttori di società soggetti a imposte da pagare in relazione ai guadagni e a prelievi per l'assicurazione nazionale.

Se Westminster non avesse ascoltato le loro richieste per il meglio dei due sistemi, c'era un governo appena al largo delle coste francesi che sicuramente lo avrebbe fatto. Gli Stati del Jersey, come è chiamato il parlamento dell'isola omonima, esistono in gran parte per creare leggi richieste dai servizi finanziari su cui la Dipendenza della Corona basa la sua economia. Così, quando Price Waterhouse ed Ernst & Young arrivarono con la legislazione LLP pronta nelle loro valigette al seguito, ricevettero un caloroso benvenuto.


Guidati da un senatore che lavorava anche per lo studio legale che stava aiutando i ragionieri, i legislatori dell'isola hanno messo da parte impegni meno urgenti e hanno accelerato il nuovo disegno di legge. Uno della minoranza dei politici locali che non era un membro a pieno titolo dell'establishment politico-finanziario dell'isola, il senatore Stuart Syvret, affermò che il disegno di legge "puzzava di fregatura". Sulla terraferma, il professore di contabilità Prem Sikka e il parlamentare laburista Austin Mitchell condussero una campagna contro la legge e cercarono di persuadere il Privy Council del Regno Unito - l'arcano corpo di politici di alto livello che consigliano il monarca e timbrano validandole le leggi dei paradisi fiscali britannici - a respingere lo statuto. Non ebbero soddisfazione, al di là della soddisfazione di essere chiamati "nemici dello stato" a St. Helier. Nel novembre 1996, i contatori di fagioli hanno debitamente ottenuto la loro legge LLP del Jersey. (18)


In realtà non la useranno, ma poi la manovra non era mai stata intesa per il Jersey. Era un tentativo di ricattare il governo britannico per far dare ai conta-fagioli ciò che volevano. Abbastanza ovviamente, le grandi aziende hanno immediatamente minacciato di fondare le LLP offshore se non fosse stata emanata una legge britannica simile. La stampa continentale se ne accorse in ritardo. La legge del Jersey era "un rimbrotto con il quale il governo [del Regno Unito] viene trattato se non riesce a elaborare una legge LLP praticabile", osservò il Financial Times. (19) 


In realtà era più una commedia di facciata che non avrebbe comunque funzionato nella pratica. Se le società di contabilità fossero diventate LLP di Jersey, sarebbero comunque state tassabili e perseguibili nel Regno Unito, dove sarebbero state destinate a rimanere fisicamente. 

Ma, sempre più dipendenti dal settore dei servizi del paese, i governi successivi non avrebbero considerato uno screzio con i Big Six (o Five, a seguito della fusione di Price Waterhouse e Coopers & Lybrand del 1998). Hanno ceduto. 

Citando gli sviluppi della legislazione LLP negli Stati Uniti e in Jersey, il segretario Conservatore agli affari Ian Lang dichiarò che il suo governo è "determinato a mantenere un quadro giuridico competitivo e aggiornato". (20) La contabilità, come tutto il resto nell'era della deregolamentazione, doveva essere competitiva. Nel 1998, un progetto di legge che creava le LLP fu pubblicato dal segretario commerciale dei laburisti, Peter Mandelson. 

Alcuni mesi dopo, dopo essere stato costretto a rassegnare le dimissioni per non aver dichiarato un grosso prestito ricevuto da un collega, trovò un lavoro di consulenza con Ernst & Young - o, come sarebbe presto chiamata, Ernst & Young LLP.

Quando una commissione parlamentare del 1999 esaminò la storia di quella legislazione, il presidente la definì "una rapina dei contabili". (21) 

Entro tre anni dall'entrata in vigore della legge sullo statuto, tutte le principali aziende si erano convertite allo status di LLP. I loro partner, che ora hanno una media di quasi £ 500.000 all'anno in quote di profitto, potranno mantenere la loro posizione fiscale favorevole e rilassarsi fiduciosi nella consapevolezza che, non importa quanto malamente le loro aziende abbiano creato casini, le loro fortune personali - a differenza di tutti gli altri - erano al sicuro.
 
Le principali società di contabilità del mondo si erano scrollate di dosso le catene della responsabilità, proprio mentre il capitalismo globale entrava in una fase particolarmente potente.


IL GIOCO DEI NUMERI

Alla fine degli anni '90, il capitalismo occidentale era trionfante. La guerra fredda era stata vinta, i mercati liberi dominavano in modo supremo e una vera ondata economica fu accompagnata da vertiginose speranze per la tecnologia di Internet. Dal 1995, il Dow Jones è salito quasi incessantemente a più del doppio del valore in cinque anni. 


Ma non tutto era come sembrava.
 

I mercati che hanno guidato i corsi azionari registravano una crescita costante degli utili, preferibilmente ogni trimestre. E, attraverso le opzioni su azioni e altri schemi proposti dalle società di contabilità, i dirigenti erano ora fortemente incentivati ​​a realizzare ciò che i mercati desideravano. 

Ci sono stati due modi per raggiungere questo obiettivo. 
Uno era attraverso il miglioramento permanente: innovare, aumentare le vendite e produrre in modo più efficiente. Ciò è stato difficile, sia nelle industrie consolidate che in quelle emergenti. 
L'altro, più semplice, era manipolare i numeri usando gli strumenti dell'inganno trovati nella cassetta degli attrezzi della contabilità a partita doppia.

Arthur Levitt, un veterano del mercato azionario che ha presieduto la Securities and Exchange Commission (SEC) dal 1993, ha visto il circo da un posto in prima fila. "Troppi manager, revisori e analisti aziendali partecipano a un gioco di ammiccamenti e strizzatine d'occhio", disse a un pubblico di New York nel suo famoso discorso "Numbers Game" (Il gioco dei numeri) del settembre 1998. 'Nello zelo per soddisfare le stime dei guadagni di consenso e proiettare un percorso regolare di guadagni, il pio desiderio può avere la meglio sulla rappresentazione fedele. . . La gestione può dare il via alla manipolazione; l'integrità potrebbe trasformarsi in illusione." (22) 


Levitt elencava le truffe contabili più comuni. Gli inganni della "magia della fusione", in linea con le vecchie tecniche di incentivazione del raggruppamento di interessi, erano particolarmente popolari per le acquisizioni di società della "nuova economia" che non avevano quasi nessun reddito ma valutazioni altissime.

Altre società stavano ristrutturando e creando riserve eccessive per le spese future. Wall Street ha ignorato il costo di farlo come elementi "eccezionali" una tantum, ma non ha obiettato in seguito quando i costi non si sono rivelati così elevati e la riduzione delle riserve aumentava i profitti. Riserve più piccole del cosiddetto "salvadanaio" per altre questioni prontamente manipolate come i rimborsi dei clienti potrevano essere utilizzate per spostare le entrate da un anno all'altro, semplificando la crescita degli utili. 


Più sfacciatamente, si potevano creare vendite fittizie con la magia della contabilità a partita doppia. Quando il produttore di elettrodomestici Sunbeam è crollato nel 2001, è emerso che stava vendendo scorte ai negozi al dettaglio mesi prima della loro effettiva necessità, con un accordo per riprendersele se non erano necessarie. Nessuna somma di denaro cambiava di mano e Sunbeam generalmente non consegnava la fornitura, ma considerava le vendite come entrate. 

Nel novembre 1997, con l'avvento dell'inverno americano, la società ha registrato vendite record di barbecue. Quattro anni dopo, è fallita. (23)

Tali giochi avrebbero potuto essere fermati da un auditing coscienzioso, nel caso di Sunbeam da parte di Arthur Andersen & Co. Alla fine l'azienda dovette pagare 110 milioni di dollari ai liquidatori della società, sebbene anche questa fosse solo una piccola frazione delle perdite degli investitori. 


L'assenza di una contabilità efficace ha creato un circolo vizioso in cui le aziende hanno subito pressioni per ottenere risultati al fine di tenere il passo con i numeri esagerati dei loro concorrenti e i loro stessi risultati dei periodi precedenti. Il risultato fu che tra il 1997 e il 2000, Levitt scrisse nelle sue memorie, "700 società [quotate pubblicamente] avrebbero trovato tardivamente difetti nei rendiconti finanziari passati e ribadito i loro guadagni" (rispetto a un record storico di circa 25 all'anno). (24) 

Lungi dall'apprendere dagli scandali del risparmio e dei prestiti di un decennio prima, le società di contabilità sembravano aver incluso il fallimento dei controlli nella loro offerta di servizi.

Tuttavia, non erano più imprese di contabilità, né per inclinazione né per reddito. Tutti i Big Five ora guadagnavano di più dai servizi di consulenza che dalla revisione.(25) Non lo facevano neanche sempre onestamente. PwC, Ernst & Young e KPMG alla fine avrebbero pagato multe sostanziali per la sovrafatturazione ai clienti durante gli anni '90 attraverso incentivi come la fatturazione per le spese di viaggio senza detrarre i grandi sconti che avevano ricevuto. PWC pagò una somma di sette cifre per accordarsi senza l'ammissione di accuse di colpa per aver pagato tangenti a funzionari governativi con contratti di tecnologia). (26) 

Il controllo dei numeri è stato semplicemente un primo passo per l'incasso di altri lavori. "Alcune aziende hanno persino pagato i loro revisori per quanti servizi non di audit hanno venduto ai loro clienti", ricorda Levitt, facendo eco alle critiche fatte più di un decennio prima. 
"I contratti di consulenza stavano trasformando le società di contabilità in estensioni del management - a volte persino tifosi", ha pensato. (27) 

I dirigenti avevano forti incentivi per truccare i numeri. Gli analisti del mercato azionario che esageravano i loro stessi bilanci, a volte criminalmente, erano pronti a crederci. Ma i contatori di fagioli avrebbero dovuto essere preparati, aveva detto espressamente Levitt al loro corpo professionale alla fine del 1996, "a gettare un secchio di acqua fredda su idee eccessivamente esuberanti sulle prestazioni". (28) Invece, fatalmente in conflitto, si cimentarono nel gioco dei numeri.
 
Levitt trascorse i suoi anni alla SEC cercando di vietare ai revisori di fornire altri servizi diversi ai clienti. Ha forzato un ritiro tattico di breve durata. Tra il 2000 e il 2002, tutte le migliori aziende, ad eccezione di Deloitte, hanno venduto le loro armi di consulenza gestionale, che si sono concentrate principalmente sulla vendita di una nuova generazione di sistemi informatici. Ma quando si trattava di cambiare le regole per prevenire i conflitti di interesse, si scontrò con un Congresso più corrotto e finanziato dai ragionieri che mai. Tra il 1990 e il 2000, le grandi aziende di revisione fecero donazioni politiche per 53 milioni di dollari.

Un quarto di queste donazioni avvennero nel 2000 quando gli sforzi di Levitt si stavano intensificando.  

Nella campagna presidenziale di quell'anno, tutti i Big Five fecero parte dei primi venti donatori a George W. Bush. (29) 
 "E, caspita, queste donazioni ottennero dei risultati", si lamentò Levitt. (30)
 
Contro questo muro di denaro e influenza, quando si ritirò nel 2001, Levitt aveva realizzato poco più che ripristinare il tristemente inadeguato requisito per le società di rivelare ciò che pagavano i loro revisori per i servizi di consulenza.
"I mercati americani godono della fiducia del mondo", aveva detto Levitt nel suo discorso "Numbers Game" del 1998. "Quante mezze verità e quante falsità contabili ci vorranno per offuscare quella fede?" (31) 


In effetti, in Texas si stava già verificando una maggiore follia finanziaria di quanto persino il principale critico di contabilità potesse immaginare.  

Stava per fare di più che offuscare la fede. L'avrebbe spazzata via.

(e segue col capitolo su ENRON...) 

Note:

18. Sikka, Cousins and Mitchell, Race to the Bottom.
19. Financial Times, 11 June 1998.

20. Risposta parlamentare scritta, 7 novembre 1996. Hansard, Col. 618.
21. Commissione di selezione dell'industria e del commercio della Camera dei comuni, 16 febbraio 1999.
22. Discorso di "Numbers Game" di Levitt, al Center for Law and Business della
New York University, 28 Settembre 1998.
23. Per un resoconto completo del caso Sunbeam, consultare Clikeman.
24. Levitt, Take on the Street.
25. "The Big Five?", Economist, 18 settembre 1997,
http://www.economist.com/node/157334; consultato il 10 agosto 2017.
26. Discusso in Sikka e Mitchell, The Mafia gessato. Per quanto riguarda i "contraccolpi" di PwC, vedere il Comunicato stampa del Dipartimento di giustizia USA, 16 agosto 2007.
27. Levitt.

28. Discorso di Levitt all'American Institute of Certified Public Accountants, 10 dicembre 1996, citato da Brewster. Il discorso è stato pronunciato pochi giorni dopo il famoso avvertimento di "esuberanza irrazionale" del presidente della Federal Reserve Alan Greenspan.
29. Stephen Labaton, "Il crollo di Enron: il lobbismo - Le società di revisione esercitano il potere a Washington", New York Times, 19 gennaio 2002.
30. Levitt.
 
31. Ibid., Nota 22.

venerdì 22 novembre 2019

Il sistema monetario e il decapitalismo

Sistema monetario e decapitalismo

Un sistema monetario efficiente è un bene pubblico del paese come lo è il sistema di difesa e l'apparato di giustizia. Il governo centrale ha la piena responsabilità di fornire questo bene pubblico assicurando che il sistema non venga abusato creando posizioni castali dominanti a danno della comunità. Questo è invece successo oggi col cartello bancario che ha finito per impadronirsi completamente del potere politico reale spogliando della ricchezza e della speranza l'Italia e le famiglie che ancora ci restano.

Perché il denaro funga da unità di conto, deve anche essere contemporaneamente una misura di valore.

La Banca centrale europea (BCE) ha il duplice mandato di preservare il valore dell'euro e mantenere la stabilità dei prezzi nell'Unione europea. La BCE, insieme alle banche centrali nazionali di tutti gli Stati membri dell'UE, compresi quelli che non hanno adottato l'euro, rientra nell'ambito del Sistema europeo di banche centrali (SEBC). 

Tuttavia, anche se il valore del denaro è la condizione fondamentale per il funzionamento dell'economia nazionale, nessuna misura effettiva di valore per l'euro è direttamente legiferata, a differenza delle sue dimensioni fisiche, lunghezza e peso, che sono regolati dalle direttive UE che, in definitiva, specificano precisi riferimenti fisici.

La definizione del tempo, ad esempio, è regolata al tempo universale coordinato (UTC) così come viene determinato dall'Ufficio internazionale del tempo, che si può dire che abbia alla base considerazioni astronomiche.

A differenza di queste misure, l'unità monetaria euro manca di una connessione legale diretta a tutto ciò che può essere definito fisicamente.

Finora, è stata presa in considerazione solo la funzione di moneta come unità di conto. Si potrebbe dire che la funzione di riserva di valore abbia una certa connessione con l'unità di conto, ma, quando si tratta di immagazzinare valore, la qualità e la stabilità del valore di ciò che deve essere designato come denaro sono significative.

Il denaro ha spesso il carattere legale di un credito nei confronti dell'emittente. Ciò vale in particolare per le attività sotto forma di depositi presso banche e altri enti creditizi. Tali depositi sono talvolta designati come "denaro bancario". Il modo esatto in cui una banca deve pagare un credito in denaro  bancario privato è un'altra questione.

I creditori, quando accettano bonifici, sono normalmente felici di accettare il pagamento sotto forma di un credito su un'altra banca, vale a dire denaro di altre banche private. La regola principale nella legge dovrebbe essere che il pagatore ha il diritto di pagare con denaro della banca privata (denaro scritturale), cioè dovrebbe avere corso legale.
La misura in cui questa moneta di banca privata può essere considerata una riserva di valore dipende in parte dal modo in cui la BCE riesce nel suo compito di mantenere la stabilità dei prezzi, ma è di notevole importanza se la singola banca è solvibile e può pagare i suoi debiti.

Potremmo affermare che ogni banca si comporta come una zecca quando crea depositi poiché se quel denaro fosse solo un credito verso una particolare banca, il suo valore commerciale cambierebbe da banca a banca a seconda del rating di ciascuna.

Il possesso di banconote e monete emesse dal SEBC non è considerato compatibile con il rischio di credito. Anche se era possibile considerare una banconota euro come un credito verso la banca centrale da un punto di vista puramente contabile, la legge non specifica più come debba essere pagato un simile credito. Lo stesso vale per la fornitura di moneta elettronica della BCE, che avviene attraverso la creazione da parte della BCE di conti di deposito per varie società, principalmente banche, che partecipano al sistema di pagamento della BCE. Un sistema di compensazione e "regolamento dei conti" viene poi utilizzato per il regolamento dei crediti che le banche private hanno nei reciproci confronti.

Le direttive europee ci dicono che le monete e le banconote in euro hanno corso legale. Tuttavia lo stato ci chiede di pagare le tasse indicandoci uno specifico conto bancario imponendoci l'uso del denaro di banca. Inoltre per legge l'uso del contante materiale a corso legale è limitato a cifre inferiori al migliaio d'euro. 

I pagamenti in Italia sembrano quindi regolati senza un sostegno speciale nel diritto civile, ma con il sostegno di convenzioni stabilite che, nonostante la mancanza di norme legali, sembrano attualmente avere una posizione forte sul mercato dei pagamenti. Una di tali convenzioni prevede che un beneficiario del pagamento, in base alla regola principale, debba accettare denaro della banca privata come pagamento di un debito in assenza di un accordo specifico contrario. Tuttavia, ci possono essere motivi per considerare la regolamentazione legale di queste convenzioni e il loro rapporto con il ruolo della BCE come emittente di denaro della banca centrale quando l'emissione avviene tramite banconote e monete, nonché in forma elettronica.

  Considerando la funzione della BCE come fornitore di liquidità, sia in tempi di crisi che in tempi normali, questa attività deve essere considerata l'ancora del sistema di pagamento europeo. Desta quindi stupore che la stessa BCE non pubblichi annualmente, come viene richiesto a tutte le società, il proprio Rendiconto Finanziario: cosa ci nasconde ?

Sia la liquidità, che è disponibile al grande pubblico, sia le riserve bancarie, che sono disponibili per le banche, sono quindi note congiuntamente come moneta della banca centrale. Tuttavia, questo non è il solo denaro esistente nell'economia. Nel corso della storia, le banche hanno anche integrato il ruolo della banca centrale fornendo denaro privato, principalmente come mezzo di pagamento costituito da depositi in conti bancari. È quindi possibile parlare di una divisione del lavoro nell'economia tra il denaro della banca centrale e il denaro della banca privata. Vi è, tuttavia, una differenza importante tra il denaro della banca centrale e il denaro della banca privata. Il denaro della banca centrale è emesso e costituisce un credito nei confronti della banca centrale, che è in definitiva impagabile, mentre il denaro della banca privata è un credito nei confronti delle banche commerciali, che sono società private subordinate. 

Le banche centrali possono sempre creare nuovo denaro a corso legale e, per definizione, non possono fallire, mentre a volte le banche commerciali - si dice - possono "fallire" (essere messe in liquidazione). Questo avviene solo perché alla banca prescelta viene impedito, dalla banca centrale, di continuare la propria attività di creazione di depositi dal nulla o di scambio dei depositi col corso legale. Al pubblico, per abbindolarlo, si narra che questo è dovuto facendo ricorso ad astruse regole decise periodicamente da una banca di Basilea (BIS, da cui l'appellativo toscano di "bischero") ma più propriamente le "liquidazioni" e le successive "svendite-regalo" delle banche sono di norma il risultato di accordi paramassonici sottobanco e guerre tra cosche bancarie concorrenti.

Tuttavia, il governo centrale dispone di strumenti propagandistici per rendere il denaro delle banche private apparentemente "più sicuro" per il grande pubblico: regolamenti bancari bizantini che asseritamente rendono le banche "più sicure" e "garanzie di deposito", ovvero polize assicurative scoperte che "garantirebbero" il denaro dei depositanti fino a un determinato importo massimo (corrispondente a 100.000 EUR nell'Unione Europea). 

La garanzia sui depositi allo scoperto è un volgare esempio di truffa, secondo la Scuola Austriaca d'Economia (Rothbard), ed è stata introdotta per carpire la fiducia del pubblico verso l'ammasso dei "depositi". A seguito della crisi finanziaria del 2007-2008, i regolamenti per il settore finanziario sono stati infarciti di ulteriori assurdità tropicali poiché comunque, storicamente, si è rivelato molto difficile abbattere completamente la fiducia del pubblico nel sistema bancario. Tuttavia, non si può escludere che in futuro non possano sorgere altre fanta-crisi finanziarie architettate "a tavolino" per organizzare altri maxi-espropri ai danni del pubblico, finché esiste. 

Diciamo "a tavolino" perché ormai è noto che le banche rubano tutto il capitale che creano dal nulla facendolo scomparire contabilmente (vedi i vari scritti di Bossone ed altri sull'Accounting View della creazione monetaria), quindi basterebbe che la contabilità bancaria subisse una revisione contabile forense per far emergere gli enormi profitti che si dividono sottobanco.

In una società senza controllo e presidio costante degli organi giudiziari, una tale crisi finanziaria potrebbe sorgere perché esiste di fatto solo "quel" denaro privato. 

Non si può escludere che, continuando a demolire dall'interno la fiducia nel settore bancario, non si potrebbe arrivare a una sfiducia totale nell'intero sistema Europa. Ciò potrebbe aggravare considerevolmente gli effetti di una crisi finanziaria se il popolo non fosse continuamente tenuto alla fame e nel terrore di non riuscire ad arrivare a fine mese. La gente, infatti, potrebbe ribellarsi e il sistema finalmente verrebbe emendato da tutta questa cacca facendo tabula rasa. 

Si arriverebbe, quindi, all'ultima fase del capitalismo: il "decapitalismo".


N.B. Se il lettore avesse ancora qualche dubbio sulla criminalità dell'attuale "sistema" bancario, basta che dia una scorsa ai quotidiani. Oggi è uscito che la banca Westpac, la seconda banca dell'Australia, ha commesso 23 milioni (ventitrémilioni) di infrazioni alla normativa antiriciclaggio: 
Westpac Bank Just Accused Of Violating Money Laundering Laws 23 Million Times https://www.zerohedge.com/markets/australian-bank-faces-trillions-fines-after-reporting-23-million-aml-breaches
 

martedì 12 novembre 2019

Un euro digitale per salvare l'Unione Monetaria Europea

Un euro digitale per salvare l'Unione Monetaria Europea (UEM)
di Thomas Mayer, 6 novembre 2019
(NdT: menti raffinatissime al contrattacco... si sposta il furto del signoraggio dalle banche commerciali mettendolo tutto in capo alle banche centrali)
Fonte: A digital euro to save EMU https://voxeu.org/article/digital-euro-save-emu


Il desiderio di evitare cicli di boom e collasso del credito e degli investimenti ha portato alcuni a proporre la sostituzione della creazione di moneta attraverso l'estensione del credito bancario con l'emissione di denaro diretto da parte della banca centrale o di un ente privato o il collegamento della creazione di denaro a un bene esistente. Questo articolo, che fa parte del dibattito di Vox sulla riforma dell'area dell'euro, sostiene che il rilancio dell'euro come valuta digitale della banca centrale potrebbe contribuire a ridurre il debito degli stati dell'euro e a porre fine al ciclo disgraziato delle banche sovraniste. Questo creerebbe anche un formidabile concorrente per altre valute digitali globali che potrebbero emergere nel prossimo futuro.

sabato 9 novembre 2019

Corso su moneta bancaria e relativi vizi contrattuali

Corso su "contratti e moneta bancaria: profili d'illegalità". Verrà presentato il caso concreto del sequestro contabile e dei supporti informatici presso una primaria banca italiana.




Omar Monzeglio su moneta bancaria from marco saba on Vimeo.